18
Lug
2019

¡Viva la pobreza! La tragedia venezuelana e noi, fra silenzi e complicità

di Loris Zanatta

Il diavolo ci ha messo la coda: Vladimir Putin aveva appena detto che “l’idea liberale è diventata obsoleta” ed ecco uscire il rapporto delle Nazioni Unite sul Venezuela: un bel regime post liberale, di quelli cari al nuovo Zar delle Russie, che difatti ne è, tra tanti, lo sponsor. Consiglio di leggerlo; sono appena sedici pagine, mezz’ora. Quanti di noi hanno letto inorriditi il Nunca Más, la galleria degli orrori della dittatura argentina? Questo è d’altro genere: secco, sintetico; ma di uguale sostanza: è il Nunca Más venezuelano. Salvo che in Venezuela non racconta cosa è avvenuto, ma cosa avviene ogni giorno.

LEGGI TUTTO
12
Lug
2019

La crisi greca e l’euro: la lettura di George Tavlas

Riceviamo, e volentieri pubblichiamo, da Francesco D’Ignazio.

In occasione della Lectio Marco Minghetti 2019, George Tavlas, sostituto del Governatore della Banca di Grecia nel Consiglio Direttivo della BCE e Membro del Consiglio di Politica Monetaria della Banca di Grecia, ha offerto – approfittando anche della sua esperienza durante i drammatici momenti della crisi sostenuta dal suo paese – un’interpretazione della dinamiche che hanno quasi portato la Grecia al default e rischiato di spaccare definitivamente l’eurozona. Leggi tutto

5
Lug
2019

AirBNB cerca casa

Riceviamo, e volentieri pubblichiamo, da Francesco D’Ignazio.

Firenze e Venezia vanno ad aggiungersi alla lista di città europee che richiederanno al Parlamento europeo una più stringente regolamentazione del sistema degli affitti brevi, per “salvare i centri storici dall’invasione di Airbnb”.

Da quando il servizio di locazioni temporanee dell’azienda californiana è stato lanciato nel 2008, il numero di appartamenti affittati tramite questo sistema è aumentato esponenzialmente (solo in Italia, terzo mercato per Airbnb, ve ne sono più di 400.000).

Andando a insinuarsi in un settore ben consolidato e caratterizzato da un’offerta relativamente rigida, quello alberghiero, già da diversi anni Airbnb e altre piattaforme online sono stati oggetto di numerose critiche, non solo da parte degli albergatori tradizionali, ma anche delle amministrazioni locali. Leggi tutto

27
Giu
2019

Ferrovie: a che punto è la concorrenza?

Riceviamo, e volentieri pubblichiamo, da Francesco D’Ignazio.

A che punto è la concorrenza nell’alta velocità ferroviaria? Una possibile risposta viene dalla presentazione del Rapporto annuale dell’Autorità di regolazione dei trasporti, svoltasi lo scorso 25 giugno. Nonostante i molti progressi fatti – che rendono il nostro paese un caso di successo in Europa – rimangono ancora diverse criticità. La principale riguarda l’insufficiente grado di separazione tra la società che gestisce la rete (RFI) e le altre società del gruppo Ferrovie dello Stato che offrono servizi ferroviari. Come ha riconosciuto il presidente dell’Autorità, Andrea Camanzi, “i gradi di separazione oggi esistenti tra il gestore e l’impresa ferroviaria incumbent, appartenenti allo stesso gruppo, non hanno impedito comportamenti discriminatori. Ne consegue la necessità di ricercare i correttivi da apportare all’attuale assetto”. Leggi tutto

27
Giu
2019

A chi i cestini? A noi!, signori della Rap

Riceviamo, e volentieri pubblichiamo, da Carlo Amenta.

Questo articolo è stato originariamente pubblicato qui.

The customer is the king! E’ con questo adagio che mi ronza nella testa che continuo a pensare da qualche giorno alla surreale intervista dell’amministratore unico della RAP al quotidiano La Repubblica.

Uno slogan antico come l’attività d’impresa, che gli italiani hanno tradotto con “il cliente ha sempre ragione” e che costituisce, pur nelle sue variazioni e specificità legate al mutare dei bisogni e del contesto, uno dei capisaldi delle lezioni di marketing che ogni anno si tengono nelle aule universitarie di tutto il mondo.

Sono lezioni che il dott. Norata deve avere saltato se è vero che, di fronte ai comportamenti non corretti nell’uso delle pattumiere da strada da parte dei palermitani, avrebbe in mente addirittura di proporre una geniale e draconiana innovazione: l’eliminazione dei cestini dalle vie pubbliche della città! Leggi tutto

26
Giu
2019

Il Csm, la sovranità popolare e la rule of law

Riceviamo, e volentieri pubblichiamo, da Matteo Repetti.

Siete mai riusciti a spiegare ai vostri figli, quando studiano educazione civica alle medie, in che cosa consiste esattamente il principio costituzionale della separazione dei poteri dello Stato? Che cosa vuol dire, ad esempio, che il Governo, il potere esecutivo, “esegue” le leggi? E poi, se – com’è naturale – la sovranità appartiene al popolo, che si esprime tramite le elezioni ed elegge i propri rappresentanti in Parlamento, com’è possibile che i giudici, il potere giudiziario, tragga la propria legittimazione in maniera autonoma e svincolata dalla sovranità popolare?

Se le cose non si riescono a spiegare probabilmente è perché non sono chiare. Leggi tutto

24
Giu
2019

Giù le mani dai nostri risparmi

Riceviamo, e volentieri pubblichiamo, da Giacomo Messina.

La CONSOB è l’Autorità Italiana per la vigilanza sui mercati finanziari. Di conseguenza, dalla relazione finale del Presidente di suddetta autorità, mi aspetterei una visione d’insieme sulle performance passate, e sugli scenari futuri dei mercati finanziari e degli istituti di credito nel nostro paese. Al contrario, nella relazione del Presidente Paolo Savona, faccio fatica a trovare un riferimento al ruolo svolto dall’autorità che presiede e noto una preminenza di analisi e proposte di politica economica. Pertanto, il suddetto discorso, suona, alle mie orecchie, molto più simile alle “Considerazioni Finali” che una volta l’anno spettano al presidente della Banca d’Italia. Una sorta di “Contro-Considerazioni Finali” da parte del massimo esponente del “Contro-Apparato” che il governo gialloverde sta, chiaramente, tentando di costruire. Leggi tutto

24
Giu
2019

La Corte suprema USA: i diritti di proprietà non sono di “serie B”

In Knick v. Township of Scott, Pennsylvania, la Corte Suprema degli Stati Uniti ha segnato un punto a favore della difesa dei diritti di proprietà. Fino ad oggi, infatti, il proprietario che avesse subito un esproprio per pubblica utilità non avrebbe potuto immediatamente cercare tutela nelle Corti federali, essendo prima obbligato ad esaurire i rimedi giurisdizionali a livello locale e statale. Solo dopo che questo esperimento si fosse rivelato infruttuoso, quel proprietario avrebbe potuto rivolgersi a un giudice federale: per scoprire, però, che la sua pretesa sarebbe stata giudicata inammissibile, visto che la sua sconfitta nelle Corti statali aveva spiegato l’effetto di res judicata. Un caso del tutto evidente di “Comma 22”, come evidenziato (testualmente) dall’autore della sentenza in commento, il Chief Justice John Roberts: «un proprietario non può recarsi in una Corte federale senza essere passato da una Corte statale; ma se lo fa e perde, la sua pretesa sarà inammissibile nella Corte federale». Leggi tutto
21
Giu
2019

Il mercato della sanità in Cina

Riceviamo, e volentieri pubblichiamo, da Francesco D’Ignazio.

In Cina il sistema sanitario è in costante sviluppo ed è divenuto nel 2013 il secondo al mondo con un valore di 853 miliardi di dollari sommando spesa pubblica e privata. Nonostante ciò rimane ancora arretrato rispetto a quello dei principali paesi industrializzati, con la spesa sanitaria che costituisce soltanto il 6% del Pil, contro il 17% degli Stati Uniti e l’11% di Francia e Germania.

Tuttavia, alcuni fenomeni demografici e sociali fanno pensare che in Cina si farà un sempre maggior ricorso alle cure sanitarie: ad esempio, a causa del continuo invecchiamento della popolazione, combinato allo scarso tasso di fertilità delle donne, e ai numerosi casi di cancro (2.2 milioni di decessi all’anno) e ad altri problemi quali l’obesità, che colpisce l’11.9% della popolazione. Leggi tutto