5
Apr
2022

Vincolo di realtà, istruzioni per l’uso

Riceviamo, e volentieri pubblichiamo, da Giacomo De Ros.

Arriva il libro dei giovani di EconomiaItalia

EconomiaItalia fa il suo debutto editoriale con Guida Terrestre per Autoeconomisti, pubblicato da Poliniani. Un saggio agile, completo e interessante che porta anche in libreria l’azione divulgativa dell’associazione, nata nel 2018 per raggiungere in breve tempo un ragguardevole seguito online, grazie innanzitutto all’utilizzo dei dati e allo sforzo di interpretarli in maniera corretta. EconomiaItalia è un esempio di divulgazione digitale fatta dai giovani per i giovani: gli autori dei diversi capitoli del libro sono infatti nati tra il 1990 e il 2003.

Il messaggio che sembrano voler comunicare più di qualunque altro è la necessità di attenzione e prudenza nell’interpretare una realtà più complessa di quanto appaia a prima vista. È appunto la realtà (e il suo vincolo, opportunamente citato lungo tutto il percorso del lettore) a “guidare” gli aspiranti autoeconomisti. Alla scoperta del “magico mondo chiamato realtà”, appunto. Parole necessarie, visto il momento storico e le condizioni del discorso pubblico nel nostro Paese.
La condivisibile decisione degli autori è quella di focalizzarsi sugli annosi problemi italiani per poterne trarre degli insegnamenti, dimostrando come le opinioni su temi complessi, che si tratti ad esempio dell’euro o delle alterne fortune di Alitalia, non possano fondarsi su luoghi comuni o semplificazioni.

Con quest’ottica, il libro dà una panoramica delle più radicate criticità del Paese: capitale umano, burocrazia, fisco, ricerca, produttività e disparità geografiche. Un’utile introduzione a temi che avrebbero bisogno di una letteratura ben più vasta per essere sviscerati. Ben consci di questo, gli autori provano a fornire al lettore non tanto una profonda conoscenza dei fatti, bensì, attraverso le analisi che offrono, un metodo per sviluppare le proprie. Questo metodo si fonda, con un pregevole approccio scientifico su dubbio, ricerca, uso di fonti attendibili e analisi dei dati. Che in Italia qualcuno si faccia carico di suggerire questa concezione non può che fare piacere e soprattutto, come scrive Costantino de Blasi nella sua prefazione, “il fatto che sia stato scritto da un gruppo di giovani appassionati ne dà ancor maggior merito”.

You may also like

Rischi e potenzialità dell’amministrazione giudiziaria
The Long Tail
Perché il profitto di uno è (ancora) il profitto di un altro. Bastiat 220 anni dopo
Maratona Pnrr. La semplificazione burocratica: questa volta è diverso?

Leave a Reply