29
Lug
2021

Malagodi e la politica della grappa. Un ricordo personale

Riceviamo e volentieri pubblichiamo da Robert Nef

Alla fine degli anni Ottanta ho avuto l’onore di invitare a Zurigo per una conferenza, con l’aiuto del caporedattore della Neue Zurcher Zeitung, Willi Bretscher, il senatore Giovanni Malagodi. Fece un impressionante discorso, in tedesco, nella antica casa “Zunfthaus zur Schmiden”. Purtroppo non ne abbiamo né il testo né una registrazione. Willi Bretscher, a causa della sua situazione di salute, non riuscì poi a partecipare.

Ho incontrato Malagodi solo quella volta. Vorrei condividerne un ricordo. Durante la cena prima della conferenza (che è sempre un momento importante!), il Senatore ci raccontò questo episodio divertente.

Durante uno dei suoi frequenti viaggi in treno da Firenze a Roma, aveva avuto il piacere di conversare come d’abitudine in prima classe con una signora colta, con la quale parlarono di storia e cultura. Prima di arrivare a Roma, ci disse Malagodi, si era presentato alla signora come “il Senatore Malagodi”, che in Italia pensava fosse un nome ben noto. La risposta della signora lo sorprese: “Io non mi occupo di politica, il suo nome non mi dice niente”, gli disse. “Tuttavia conosco una buona grappa dell’azienda toscana Malagodi. Questa grappa è una delle mie preferite”. Malagodi rimase tutt’altro che scontento della risposta, ne era anzi molto fiero, perché di quella produzione si occupava, all’epoca, sua figlia. La sua conclusione, per me, rimane indimenticabile: “Vede, Signor Nef, con una buona grappa si diventa più famosi che con la politica liberale”.

Ancora oggi, se si cercano su Google le parole “Malagodi” e “grappa”, se ne deduce che è rimasta una delle migliori grappe italiane.

Io vivo a 700 metri sul mare, non mi è possibile avere un vigneto. Ho delle galline che mi fanno ogni giorno delle uova. Potrei pensare di farne un liquore all’uovo, un liquore di solito gradito alle signore anche se non proprio di mio gusto! Confesso però che continuo a dedicarmi alla mia passione, che è tutto quel che riguarda la libertà.
Evviva la memoria del grande Senatore Malagodi!

Robert Nef, nato nel 1942 a San Gallo in Svizzera, dal 1979 al 2007 ha diretto il “Liberales Institut” di Zurich, un think tank nella tradizione del liberalismo classico. Dal 2008 al 2012 è stato presidente del medesimo Istituto. È membro della Mont Pèlerin Society.

You may also like

Perché il profitto di uno è (ancora) il profitto di un altro. Bastiat 220 anni dopo
Libertà ed uguaglianza: perché preferire la prima
Addio a Vittorio Mathieu, colosso del liberalismo
Gli Stati e le loro dimensioni: un ricordo di Alberto Alesina

Leave a Reply