19
Apr
2021

Le origini liberali del femminismo

Riceviamo e volentieri pubblichiamo da Antonella Marty

Il femminismo, alle sue origini, era un movimento liberale, o almeno non proponeva soluzioni basate sullo Stato: il femminismo liberale fa parte di una tradizione individualista, come si può vedere nella storia degli Stati Uniti. Molte persone presumono che le prime attiviste e sostenitrici femministe fossero socialiste e interventiste, ma la realtà è diametralmente opposta. Queste donne non chiedevano fondi a tutti i cittadini per sostenere la causa, chiedevano l’uguaglianza davanti alla legge, e lo facevano sfidando lo Stato. Le prime, a metà del XVIII secolo, furono Mary Wollstonecraft in Inghilterra e Judith Sargent Murray negli Stati Uniti, entrambe concentrate sull’uguaglianza educativa. Entrambe ispirarono altre femministe individualiste negli Stati Uniti, come Elizabeth Cady Stanton, Susan Brownell e Matilda Gage. Queste donne lottarono per un’educazione uguale, per il diritto di voto e furono anche abolizioniste.

L’autore americano David Boaz, in un articolo intitolato Libertarians and the Struggle for Women’s Rights, si riferisce al fatto che “un liberale deve necessariamente essere un femminista, nel senso di essere un sostenitore dell’uguaglianza davanti alla legge”. Questo è assolutamente corretto.

Per la maggior parte della nostra storia, le donne sono state prima possedute dai loro padri e poi sono diventate proprietà dei loro mariti in virtù dei matrimoni, il più delle volte organizzati dalle famiglie senza il consenso o la volontà della donna.

Storicamente, le donne sono state persino costrette a indossare cinture di castità o a subire mutilazioni genitali che esistono ancora oggi in diverse parti del mondo e sono state praticate per lunghi secoli in diversi gruppi, comunità e tribù in Asia, Africa e Medio Oriente (l’umiliante e orribile mutilazione femminile è praticata in più di 30 paesi africani, e anche in Indonesia, Iraq, India, Pakistan e Yemen). Non dimentichiamo nemmeno ciò che la famosa “caccia alle streghe” ha rappresentato storicamente, considerando che l’ultima esecuzione documentata di una donna accusata di stregoneria ebbe luogo nel 1727.

Nel XV secolo, due ecclesiastici pubblicarono il Malleus Maleficarum, che sosteneva che le streghe vivevano tra noi e descriveva la maggior parte delle donne come bugiarde e associate a figure diaboliche secondo le credenze dell’epoca. Secondo questo libro, ogni strega “scoperta” doveva essere giustiziata. Il Malleus Maleficarum divenne un manuale applicato in buona parte dei tribunali europei. Nei due secoli successivi alla sua pubblicazione, i cacciatori di streghe francesi e tedeschi hanno ucciso tra le 60.000 e le 100.000 donne accusate di stregoneria.

Oltre a queste atroci persecuzioni, le donne nel corso della storia non hanno avuto accesso all’istruzione, al voto, al lavoro fuori casa o alla proprietà. La lotta per il suffragio femminile fu anche, nei suoi primi giorni, una causa liberale.

La Nuova Zelanda fu il primo paese a permettere alle donne di votare nel 1893. La maggior parte degli altri paesi lo ha fatto nel corso del XX secolo: gli Stati Uniti nel 1920, il Regno Unito nel 1923, la Spagna nel 1931, la Francia nel 1944, la Svizzera nel 1971, l’Arabia Saudita solo nel 2011, e così via.

E il fatto è che il femminismo è un movimento liberale: il femminismo delle origini, il femminismo della prima ondata, il femminismo che ha portato avanti una lotta storica per l’unica uguaglianza esistente, che è l’uguaglianza davanti alla legge. Il femminismo non è la distruzione dello spazio pubblico, né la violenza. In effetti, si tratta di una lotta storica per l’uguaglianza davanti alla legge e la promozione del merito piuttosto che del privilegio, delle quote o degli interventi del governo.

Inoltre, nessun sistema ha favorito le donne più del capitalismo. È stato il sistema capitalista basato sulla libertà individuale che ha permesso il loro inserimento nel lavoro, che ha liberato le donne dall’obbligo di dover sopportare qualsiasi cosa per paura di essere ripudiate e di dover vivere alle dipendenze economiche del padre e poi del marito.

Il femminismo ha duecento anni. Da quando Mary Wollstonecraft scrisse il suo manifesto nel 1790, sono passati duecento anni. Ci sono state molte fasi. Si può criticare la fase attuale senza necessariamente criticare il femminismo, come dice Camille Paglia.

Mary Wollstonecraft – figlia dell’illuminismo, moglie di William Godwin e madre di Mary Wollstonecraft Shelley (la famosa autrice di Frankenstein) – affermò, in Vindication of the Rights of Woman (libro del 1792), uno dei primi trattati femministi, che le donne “erano trattate come una specie di essere subordinato e non come parte della specie umana”. In quel testo, Wollstonecraft chiedeva che le donne fossero istruite, piuttosto che semplici oggetti per il divertimento degli uomini.

Nel secolo successivo, nel 1848, a New York, alla Convenzione di Seneca Falls, attivisti a favore dell’abolizionismo e delle libertà delle donne, come Frederick Douglass, Elizabeth Cady Stanton e Lucretia Mott, chiesero il rispetto dei diritti delle donne.

In questo modo, il femminismo è stato una battaglia per ottenere le libertà che sono state a lungo negate alle donne e che sono ancora negate in molti paesi del mondo. Ecco perché il liberalismo è assolutamente compatibile con il femminismo. Come ci ha insegnato Friedrich Hayek, il liberalismo riguarda la lotta per l’uguaglianza formale e contro ogni discriminazione basata sull’origine sociale, la nazionalità, la razza, il credo, il sesso, ecc.

You may also like

Siamo fatti per cose grandi e fallibili
Libertà ed uguaglianza: perché preferire la prima
L’illegalità non denunciata produce demagogia che la alimenta
Quel malato rapporto fra Stato e individuo

3 Responses

  1. Luigi Vaccaro

    Articolo folle nell’intenzione …. La frase “,nessun sistema ha favorito le donne più del capitalismo” è falsa oltre che inutile… tenuto conto che l’articolo ripercorre la storia in chiave esclusivamente occidentale, dove vige da sempre il modello economico capitalista (quindi il confronto con chi?)… Che mi dice invece dell’ex URSS che ha prodotto donne militari e cosmonaute quando ancora da queste parti le donne erano prevalentemente a casa e al lavoro erano malviste e osteggiate?…e parlo in gran parte di lavori umili , non di responsabilità. In Cina ci sono attualmente donne con il ruolo di genenerale… Qui il servizio militare è stato aperto alle donne da pochissimi anni

  2. robyt

    Siamo ad evidente caso di appropriazione indebita allora . . .

    Mary Wollstonecraft è la capostipite nella libreria marxista, alla voce femminismo:
    https://www.marxists.org/archive/index.htm#feminism

    Quello che da molti è sempre stata considerata la bibbia del femminismo, è non a caso titolato “Woman and socialism” (Die Frau und der Sozialismus, 1879) di August Bebel
    https://www.marxists.org/archive/bebel/1879/woman-socialism/index.htm

    C’è una linea rossa e rivoluzionaria, che collega direttamente Mary Wollstonecraft (rivoluzione francese), fino ad Alexandra Kollontai (rivoluzione russa).

Leave a Reply