2
Feb
2015

Regime IVA dei minimi: una simulazione della vessazione fiscale—di Uberto Cardellini

Riceviamo, e volentieri pubblichiamo, da Uberto Cardellini.

Lattuale governo, nonostante abbia comunicato il contrario, non ha affatto agevolato le piccole partite IVA. A fare due conti, anche queste hanno tuttora un carico fiscale che rende eroica anche solo lintenzione di intraprendere un lavoro autonomo.

Facciamo un esempio, prendendo una delle ben 9 categorie di regime IVA ai minimi.

Un individuo apre un microcommercio ( sotto i 40.000 euro di fatturato: non chiedetemi che commerciante al dettaglio o allingrosso sia uno con un fatturato del genere, non ho fantasia. Gli ambulanti sono qui esclusi).

Il primo anno fattura solo 40.000 e per il lavoro usa beni dal valore inferiore a 20.000 euro.

Il secondo anno pagherà 2.400 euro di imposta, più 2.400 euro di acconto.

ipotizzando che abbia costi deducibili pari a minimo 25.000 euro, verserà di INPS, tra saldo ed acconto 7.050 euro.

Tenendo conto che la P.IVA stessa ha avuto costi effettivi ( inclusi i non deducibili su telefono, auto, trasporto pubblico, etc.) di 26.500 euro, e tolti saldi ed acconti, al microcommerciante rimarranno 1.650 euro netti:

Ci pagherà commercialista, TARSU e camera di commercio. Ovviamente il primo anno il commerciante ha vissuto sotto i ponti, e durante il secondo ha trovato un monolocale a 500 euro il mese, riscaldato a fiato.

Il terzo anno il commerciante deve sforzarsi di non fatturare più di 40.000 euro: potrà dedurre l’INPS (7050) e l’acconto IRPEF che azzera quasi l’IRPEF di quell’anno, allora in tasca gli rimarranno ben 9.850 euro : potrà ridare i soldi a Padoan, pagare il commercialista, la TARSU , la camera di commercio, e pagarsi una lussuosa villa alle Bahamas…

Dal quarto anno, dedurrà i contributi normalizzati e gli acconti, e, per non farla lunga, rimarrà da lì in avanti con circa 8000 euro l’anno. Ed inizierà a cercare lavoro all’estero.

Non faccio esempi sugli altri minimi, perché il giochetto è in realtà simile.

Facciamo un altro esempio.

Il commerciante, avendo l’1% nella pizzicheria del nonno, non accede al regime dei minimi (regime ordinario delle tasse dove più si guadagna peggio è).

Il secondo anno, si trova a pagare tra saldi ed acconti: 7.000 euro di IRPEF all’aliquota più bassa, circa 375 di addizionali, 1.170 euro di IRAP, 7.500 di INPS.

Tolti i costi effettivamente sostenuti, il commerciante si trova assolutamente senza soldi e deve farsi prestare 2.500 euro, più i soldi per il commercialista, la camera di commercio e la TARSU.

Il terzo anno, il commerciante, se rimane sui 40.000, potendo comunque usufruire delle aliquote più basse, rimarrà con 9.090 euro, con cui restituirà i soldi prestatigli e pagherà di nuovo il commercialista, la camera di commercio e la TARSU.

Dal quarto anno in poi rimarrà con circa 6.512 euro lanno, pagherà di nuovo il commercialista, la camera di commercio e la TARSU, e di nuovo cercherà lavoro allestero.

Morale: il regime dei minimi attuale NON è un regime per favorire le nuove iniziative. Al limite, le sfavorisce di meno.

Unico effetto plausibile, il favorire le false partite IVA a fronte delle riforme (future) legate al Jobs Act. Il contratto diventa troppo rigido? Il contratto assume forme troppo standardizzate? Invece di assumere, ti impongo una falsa partita IVA.

A tutti gli altri, le vere partite IVA, non interessa.

Senza trascurare che se, come è auspicabile, aumento il fatturato, si entra nel bellissimo mondo del regime ordinario.

You may also like

La BCE alla prova delle recessione—di Nicolò Bragazza
La caccia alle streghe ai tempi di Airbnb
Quei “capricci” liberisti di chi vuole lavorare di più. Ma non può—di Tommaso Alberini
Morire di infrastrutture—di Diego Zuluaga

1 Response

  1. Leonardo Rosselli

    Esempio perfetto di quello che sostengo da sempre. Il nostro sistema fiscale è finanziariamente insostenibile. I lav. dipendenti non evadono o eludono solo perché prelevando alla fonte viene ridotta al minimo ogni scappatoia. Chi non ha questa fortuna invece finisce con i debiti a Equitalia. Perché poi invece di pagare l’Inps un commerciante o professionista fa la spesa, compra i libri al figlio, va al cinema. Spostare o ridurre di un paio di punti le aliquote non serve a niente. Bisogna evitare che si formi i debito ed sistemi di ritenute infatti sono stati introdotti anche per le p.ive ( attraverso le spese di ristrutturazione) e con il reverse charge IVA si tende a mandare il maggior numero di contribuenti a credito IVA e quindi rendere sostenibile la posizione fiscale. Fin troppo direi ma il principio è quello.

Leave a Reply