18
Mag
2013

Meno auto, più bici: chi vince e chi perde

di Andrea Boitani e Francesco Ramella

Non vi è dubbio che, in città, solo una quota parte dei costi esterni derivanti dall’utilizzo dell’auto è internalizzata tramite l’imposizione fiscale: la conseguenza è che il livello complessivo della mobilità privata motorizzata eccede quello socialmente ottimale.

Continua su lavoce.info.

You may also like

La web tax all’italiana: versione 2.0
Tornelli o non tornelli? (stazioni che diventano prigioni)
Altro che contrasto alla ludopatia: il decreto dignità è una tassa sulla malattia
Osservatorio Economia Digitale-La tassa di soggiorno che uccide se stessa: il caso di Venezia

Leave a Reply