29
Ago
2012

Lezione Mps: rottamato dalla politica

Quando una banca vale ormai 2,8 miliardi e lo Stato glie ne dà 3,4 allora è inutile girarci intorno: è nazionalizzata. E’ quanto avviene al MontePaschi. Rottamato dalla politica e da un partito, il Pd. Dopo 540 anni di storia. In un quadro bancario italiano generale che non si ferma solo alla vicenda senese. 

A furia di negare che esista in Italia un problema bancario, i piu’ deboli degli istituti vanno nei guai uno dopo l’ altro. In un Paese che ha 55 agenzie bancarie per 100mila abitanti rispetto alle 19 olandesi, Bankitalia per prima doveva proporre ai governi in carica un fondo nazionale di ristrutturazione. I 25 mila esuberi annunciati negli ultimi mesi dalle banche sono ancora lontani dal risolvere il problema. Roe azzerato; cost/income altissimo per troppi dipendenti, dirigenti e agenzie; rettifiche da perdite sui crediti per non meno di 20 miliardi; ripatrimonializzazioni troppo a lungo rinviate per tener la coda alle fondazioni; svalutazioni di goodwill e attivi illiquidi troppo a  lungo rinviati; incorporazione persistente del rischio sovrano nei costi di provvista della liquidità, e traslazione ai clienti del montante totale.Un bel quadro, non c’è che dire.

Nel frattempo, tre paradossi al Montepaschi. Primo: si nazionalizza di fatto e il contribuente ci perde. Il Tesoro, assetato com’e’ di alti rendimenti nel conto economico sui Tremonti bonds, finisce poi per farci rimettere patrimonialmente, visto che in assenza di interessi pagati da MPS rilevera’ più o meno il 3%  della banca quest’anno e analoga cifra l’annoprossimo se le perdite continueranno, ma a valori di carico della banca e non a prezzi di mercato, cioe’ facendoci pagare il titolo come contribuenti quattro volte piu’ di quanto oggi valga in Borsa.

Secondo: la speculazione ringrazia. Aver negato per anni che a Siena si andava a sbattere prima ha distrutto valore e titolo, oggi alimenta insider e aggiotaggio. Se Bankitalia avesse per tempo messo la fondazione alle strette, invece di esitare di fronte alla politica, si sarebbe potuto e dovuta organizzare una cessione dei quattro quinti  della sua quota in blocchi, identificando soci istituzionali esteri, a prezzi che per la fondazione sarebbero stati piu’ intessanti perche’ antecedenti al precipizio che si e’ preferito aspettare. Ora invece sono le dichiarazioni della Fondazione stessa – vendiamo solo a quotazioni prossime al nostro valore di carico – a strappare dell tutto innaturalmente il titolo verso l’alto: roba da Consob.

Terzo, la lezione vera e di fondo: la politica rottama le banche. Mps e’ nata 20 anni prima della scoperta dell’ America, ma di tutti i guai affrontati nei secoli il peggiore si rivela il Pd che l’0ha ferreamente controllata.  Al festival di Venezia Mps sponsorizza un bel film d’animazione su Pinocchio. Profumo e Viola – il management attuale per la prima volta non espressione diretta di una banca in cui anche gli autisti hanno il contratto dei bancari – non hanno colpe del passato, ma finanziare un film sul discolo di legno è coerente all’idea di banche devastate dalla politica.

 

You may also like

Un nuovo ruolo per la CdP? Modelli di mercato o “catoblepismo” di ritorno – di Stefano Simonelli
Se l’Italia passa come la terra delle opportunità
Sul decreto #salvabanche troppi punti da chiarire – L’#Hashtag di Natale D’Amico
Con Draghi l’Eeuropa è ripartita. Noi no, e la colpa è solo nostra

34 Responses

  1. Fra

    Ecco perché le banche devono essere lasciate fallire, devono essere enti privati a tutti gli effetti, deve esserci concorrenza e non oligopoli. E infine perchè finché ci sarà la finanza sovrasviluppata e antieconomica non ci sarà liquidità ed efficienza dei mercati. Quanto ancora vogliamo aspettare ?

    “Abbiamo una serie di pacchi a scoppio ritardato tra le mani, stiamo ancora decidendo se tenerli”

  2. Guglielmo De Sanctis

    e invece RBS,Commerzbank,Citigroup,Jp Morgan,Soc Gen, Dexia,etc chi le ha rottamante?e soprattutto chi le ha salvate?
    Risposta 1 —-> manager privati
    Risposta 2 —-> Politica, Stato e Società (quella che secondo la capocomica della barzelletta liberista “non esiste”)

  3. Francesco_P

    Fra :
    “Abbiamo una serie di pacchi a scoppio ritardato tra le mani, stiamo ancora decidendo se tenerli”

    Condivido, condivido appieno. E la miccia ormai è corta per tutti per tutti questi pacchi!

    Purtroppo i nostri politici sono affezionati a questi pacchi perché hanno dato loro potere e benefici. In più i pacchi scoppiano in faccia a noi e non fra le loro mani. Ragione in più per cambiare radicalmente tutti gli attori della politica.

  4. Marco

    Impressionante e lodevole la furia iconoclasta del Dr Giannino nei confronti del MPS. Del resto ne parla da anni. Conservo un sacco di articoli in cui denuncia per tempo questo stato di dissesto da lui mirabilmente descritto con piglio feroce su Gazzettino, Messaggero e Mattino.

    m

  5. carlo rettori

    Carissimo Oscar ,
    è vero MPS nasce e viene da lontano ed i simboli del suo sigillo la dicono lunga vederlo distrutto da nua banda di politici manigoldi incopetenti è allucinante , ma cosa ancora più grave i soggetti che hanno contribuito a danneggiare l’istituto senese sono stati spesso anche premiati … IMBARAZZANTE…
    Cambio leggermente argomento ( apparentemente )
    Da toscano ti comunico e da liberale ( proprio per l’inadeguatezza dei politici ) la mia adesione al tuo progetto – movimento – partito Liberale , come tanti piccoli imprenditori ho molti suggerimenti e cose da FARE . Incominciamo dal fatto che in questo paese a pagare sono sempre i soggetti che mettono in campo le idee ( classe imprenditoriale – il mondo si muove grazie a queste ) che poi vengono giudicati da un sistema borbonico burocratico ma quel sistema c’è grazie a chi ha prodotto ricchezza … Imbarazzante…
    Sintetizzo pensa Oscar al misero stipendio che un piccolo imprenditore da ad un proprio collaboratore .. e l’imprenditore sa che se offre di più non riesce a stare sul mercato , poi leggiamo sui giornali degli stipendi nel pubblico cifre fuori da ogni logica 20.000/30.000 al mese , non è più accettabile l’impresa italiana non puo più sopportare tutto questo.
    Il motivo per cui collego i due argomenti è chiaro danneggio le banche faccio mancare il sangue ( cioe il denaro ) alle imprese controllo il sistema , il problema è che il nodo è diventato così grande che non sono più in grado di scioglierlo. Incapaci bighelloni improduttivi e dannosi dobbiamo liberarcene.

    Quante cose ci sarebbero da raccontare ma fermiamoci qui

    Forza uomini di libero pensiero

    Un abbraccio

  6. Gabrieke

    Oscar ma il partito di centro destra anti statalista per trasformare l’Italia non si fa più ? Siamo costretti a votare Grillo + Di Pietro per non essere governati dalla Camusso e Vendola con Monti ministro delle finanze ( o maggiordomo della Merkel ). Dove è finita Italia Futura di Montezemolo , e tutti quelli che dicevano di sostenere il progetto ?
    Con stima e simpatia

  7. Claudio Di Croce

    Bisognerebbe ricordare che il MPS era il simbolo della comnistione tra politica e affari ed è stato amministrato sempre dal PCI,PDS,DS, PD . Dal Presidente all’ultimo dei fattorini erano e sono tutti con la tessera del partito . E poi questi figuri si sono sempre pavoneggiati nella loro ” superiorità morale ” e tuonavano sui loro giornali e sulle loro tv contro la speculazione ” bancaria ”
    Hanno chiamato a fare chiarezza l’ex CEO del gruppo Unicredit – Profumo – che ha ridotto in stato prefallimentare il gruppo Unicredt ( le azioni in quattro anni hanno perso il 90% del valore ), anche se è uscito dal gruppo con una buonuscita di c.ca quarantamilioni di euro. Aveva ed ha però un grande merito : aveva partecipato con sua moglie alle primarie per l’elezione di Bersani .Il Partito prima di tutto , come diceva Lenin e hanno ripetuto i comunisti italiani per decenni ( Napolitano compreso )

  8. francine

    Sinceramente la b.pop.di milano,la pop.di lodi etc non mi sembrano messe meglio.In Italia non si sa piu’ da che parte guardare.

  9. omero mastix

    Il problema di Siena non è limitato alla Banca, ma la cattiva (per usare un eufemismo) amministrazione della sinistra ha disastrato anche l’Università, l’Ospedale, il Comune, il museo di S. Maria della Scala, la ASL 7, la Biotech e altri esempi che per il momento tralascio. Siena da città florida ed invidiata è in piena crisi economica, perché non ha saputo eleggere amministratori all’altezza della situazione. Ad Aprile, forse prima, si dovrà eleggere il nuovo sindaco, dopo le dimissioni di quello in carica per la bocciatura del Bilancio. Il Sindaco di Siena ha il potere di nominare 6 deputati alla fondazione e influenzare la nomina dei consiglieri di Amministrazione della Banca. Proposta veloce: perché “fermare il declino” non si prepara e si presenta alle prossime elezioni comunali? Ritengo che avrebbe buone possibilità visto lo sbandamento dell’elettorato che un inutile e ignavo PDL non riesce a coagulare.

  10. LucaS

    1) Scusami Oscar ma in tutto questo articolo, sacrosanto, manca una parolina magica che risponde al nome di Mario Draghi! Dov’era il signor Mario Draghi quand’era governatore della Banca d’Italia? Che interventi ha sostenuto rispetto a Monte Paschi? Perchè non ha IMPOSTO a suo tempo aumenti di capitale, radicale ricambio del management, vendita di attivi….? La situazione disastrosa di Monte Paschi non è certo una novità ed era ben conosciuta a chi capisce un minimo di finanza… ma inizia dalla disgaziata acquisizione di Antonveneta! Faccio notare che un sito come Mercato Libero (che ringrazio di cuore per avermi avvisato per tempo, dandomi la possibilità di vendere! dato che allora non avevo certamente le conoscenze di corporate finance che ho oggi) è da allora che fa degli aggiornamenti periodici in cui denunciava il disastro dei conti e della strategia di MPS… hanno addirittura fatto incontri pubblici a Siena per esporre i numeri nell’indifferenza più assoluta! Il signor Mario Draghi è ora che inizi a rispondere del suo operato e che i media ne discutano liberamente! E’ ora di finirla con le persone “intoccabili” nonostante i disastri che hanno causato (qui non mi riferisco a Draghi): Berlusconi, Tremonti, Napolitano, Monti e compagnia cantante!
    E’ ora che questi signori si assumano le loro responsabilità! anche perchè che credibilità potrà avere Draghi quando dice che le banche devono ristrutturarsi, azionisti e obligazionisti devono farsi carico di parte delle perdite, che gli aiuti devono essere fatti a valori di mercato, che bisogna combattere in moral hazard …. se lui per primo quando aveva la possibilità di fare qualcosa non l’ha fatto (cosi mi pare almeno, se sbaglio correggetemi) e si è piegato ai desiderata della politica/casta? esattamente come sta facendo adesso coi suoi giochini delle 3 carte! E’ ora di chiedergli conto del suo operato!
    2) Ma non sono contrari all’ordinamento comunitario aiuti fatti a prezzi non di mercato? Questo non potrebbe configurarsi come un danno erariale? In sostanza lo stato dovrebbe avere azioni mps al prezzo corrente di mercato e non a 1 euro! E poi ci si chiede perchè gli investitori non abbiano alcuna fiducia nella UE… casomai quello che mi sorprende è che ci abbiano messo cosi tanto tempo per perderla!

  11. Signori
    quando si parla di banche, e intendo di qualsiasi banca, persino della BCC di Firenze (giusto per fare l’esempio di una banca che non è di certo stata rovinata dal PD), quando si parla di banche dicevo, non si dovrebbe proprio parlare, ma solo tirarsi su le maniche e lavorare, in silenzio. Quando io sono entrato in banca, fanno ormai quasi trenta anni, sia i dipendenti che i clienti parlavano a bassa voce, come in chiesa e sia i dipendenti che i clienti avenao sempre addosso i vestiti della domenica, erano altri tempi e c’era un altro rispetto, per le persone e per ciò che esse rappresentavano, i clienti per il personale e viceversa. Quando si parla di una banca, come se ne sta parlando in questa sede, commenti compresi, non si fa informazione e non si fa il bene della banca, sopratutto non si fa il bene dei clienti che a quella banca hanno affidato i loro risparmi. MPS ha diramato il suo comunicato, doveroso, ma che ora ci si ricami sopra con tale faziosità è squallido e rapace. Si, la MPS è in crisi, Siena è in crisi, ma tutto questo fa così tanto scandalo perché forse il resto dell’Italia naviga nell’oro? Banche di destra, banche di sinistra, coop e banche private, tutte nello stesso calderone. 20 mld di rettifiche su crediti? Beh probabilmente sono ancora pochi, ma prima poi si doveva usare il bisturi. L’unico commento che condivido è quello su Draghi, complimenti, azzeccatissimo, davvero. Ho assistito allo smembramento di piccole BCC a causa di ispezioni della Banca d’Italia per problemi molto inferiori a quelli denunciati da MPS. Nelle prime 10 banche italiane commissariate, ben 5 sono BCC, perché purtroppo le BCC non hanno padroni, o protettori. Ora pero vi esorto a lasciare le polemiche da una parte, chi ha sbagliato paghi, e chi deve lavorare si impegni allo spasimo, per salvare e rendere di nuovo sicura e ricca una banca che… davvero, c’era già quando fu scoperta l’America.

  12. Sc

    Molto semplificatore questo articolo. In realtá a Siena si é consumata una farsa a cui hanno,partecipato tutti, ovviamente compresi i partiti di opposizione e i governi di cdx che non hanno fatto niente per far rispettare le leggi alle fondazioni.
    La cosa che piú non sopporto di articoli come questo é il voler far credere che dall’ alto qualcuno ha deciso di annientare la banca. Ma non si puó dire che Siena tutta, dai partiti ( tutti ) , sindacati, amministrazione comunale,fondazione, associazioni fino ai semplici cittadini ha scelto democraticamente il proprio futuro?

  13. adriano q

    Sicuramente sbaglio ma ritengo siano altre le priorità nel giorno in cui con pacata noncuranza e leggerezza di toni il genio di Francoforte teorizza sulla necessità della sovranità limitata.A me pare che sulle questioni bancarie prevalga la libertà dei popoli e dato che lei ha avviato un movimento,mi permetto di proseguire in una presuntuosa serie di consigli non richiesti.Non occorre spostare pezzi di sovranità alle burocrazie ma verso la democrazia diretta,erodendo quella delegata incontrollabile.Ritengo insopportabile il prevalere sempre e comunque dei poteri non eletti.Inserisca nel programma una vera riforma.La sovranità appartiene al popolo.Punto.Così se sarà appurato che deve comandare Berlino,almeno lo faremo dopo che i cittadini abbiano dato il loro consenso.Lo so.E’ deriva plebiscitaria.E’ populismo velleitario.Per me è quello che ci vuole e da cui partire per tentare,passo dopo passo,quello di cui c’è bisogno:una rivoluzione.Pazienza se dovremo farla a rate.

  14. Stefano

    ….quanta parte del debito pubblico detiene direttamente MPS ?
    Fosse anche solo l’1-2% si tratterebbe di almeno 20 miliardi di euro.
    Delle due l’una: o il valore della banca non è 3 miliardi di euro circa, come la capitalizzazione di borsa sembrerebbe dire o il valore di tutti quanti gli altri beni è completamente negativo.
    Forse anzi entrambe le cose sono parzialmente vere.
    In ogni caso lo Stato (e quindi noi cittadini) paghiamo a MPS poco meno di un miliardo di euro l’anno per interessi sul debito che detiene.
    Sono soldi spesi bene ???
    Se MPS è sostanzialmente nazionalizzata, xchè non istituzionalizzare la cosa, in modo che lo Stato possa a questo punto alienare i 20 miliardi di debito detenuti da una banca di sua (nostra) proprietà o almeno ristrutturare questa parte di debito pubblico con 20 miliardi di buoni che rendano la metà di ciò che invece rendono ora.
    La matematica non è una opinione.

  15. Belfy67

    Ciao Oscar, immagino che tu conosca bene la realtà senese e la loro cultura nel ritenere che la loro cultura medioevale abbia ancora un senso. MPS di fatto é prima di tutto frutto di quella cultura, ci sono come dici tu gli autisti che hanno un contratto bancario e sono parenti o amici dei parenti he lavorano in banca. Alla faccia della globalizzazione bancaria. Poi, per quanto riguarda la fondazione lo sanno tutti ormai che invece che fare opere di finaziamento a fondo perso per progetti socio/culturali vengono usate per controllare le banche stesse che si quotano in un mercato “libero” e determinano le scelte da affaristi anzichè finanziare l’impreditoria.Ma perbacco parliamo del Monte dei Paschi nella terra ad egemonia PD ex PCI. Al confronto le faide del palio sono delle piccole scaramucce.
    Un saluto
    PS: Spero che l’incidente al garage e auto non ti impensierisca, hai la stima di tutti noi che ne abbiamo le scatole piene di questa italia senza anima che vuole che le cose rimangano in questo stagno puzzolente in cui ci vogliono affogare.Con affetto
    Belfy67

  16. Fabio

    Carissimo Giannino,
    Mi scuso se intervengo fuori dal contesto del thread; i miei complimenti per la commovente delicatezza con cui oggi ha incidentalmente affrontato il tema della legge 40. Sono padre di due bambini per fortuna sani, ma non ho potuto non compenetrarmi nel dramma narrato nella lettera che lei ha letto alla radio questa mattina.
    Mettere “la vita” al centro della propria azione politica quando il diritto alla vita deve cedere di fronte a un surrettizio divieto di salvarla imposto per legge, mette a nudo le atroci conseguenze cui conducono certi furori ideologici. Mi chiedo se a Roma (in Parlamento come in Vaticano) qualcuno sia sia posto qualche interrogativo.
    Un cordiale saluto

  17. Riccardo

    ciao oscar sono un tuo grande sostenitore e faccio l’artigiano se hai bisogno per sistemare il la porta del garage chiama. scusa se non è il posto giusto ma non sapevo dove contattarti p.s. stamattina mi sono commosso ciao

  18. LucaS

    X Fabio

    Hai assolutamente ragione! Anch’io ascoltando quel passaggio mi sono commosso e subito dopo mi è venuta un’arrabbiatura pazzesca contro “certe persone” che con la loro incommensurabile ignoranza medico-scientifica e stupidità, stanno causando cosi tante sofferenze a tantissime persone! (aperta e chiusa parentesi questa è l’ulteriore dimostrazione della drammatica necessità di una destra LAICA e LIBERALE qui in Italia visto che sono stati proprio loro gli artefici di questo schifo!) L’unica mia “speranza” è che siano proprio loro i primi a subire i danni della loro stupidità l’unico problema è che loro possono permettersi di andare all’estero e avere le cure migliori, ovviamente coi soldi dei contribuenti mica i loro!, ma al tempo stesso negano questa stessa possibilità alla stragrande maggioranza degli italiani… fate veramente schifo, io l’avevo capito già nel 94′ ora speriamo che anche altri comincino a svegliarsi e vi mandino nell’unico posto che meritate: a casa o meglio ancora in galera!
    So che non bisognerebbe esprimersi in questo modo ma la rabbia è veramente enorme: oltre ai disastri economici anche questo… la misura è veramente colma! e se mi sento cosi io che non ho provato esperienze cosi dolorose non oso nemmeno immaginare come possa sentirsi chi le ha dovute provare sulla propria pelle quando tutto questo poteva benissimo, e doveva, essere evitato!

  19. adriano q

    Fabio :

    Mi chiedo se a Roma (in Parlamento come in Vaticano) qualcuno sia sia posto qualche interrogativo.

    No,non se lo pongono nè se lo porranno mai.Questo capita a chi crede di possedere il monopolio della verità che naturalmente,essendo rivelata,deve essere imposta anche a chi non la condivide.

  20. Valerio

    Egr. Sig. Giannino,
    magari questo commento non le arriverà mai, comunque: grazie per la lucida, sintetica, puntuale e spietata analisi di come la politica, anche in questo caso, faccia pagare i propri abusi alla collettività. Qualcuno lo deve dire, chiaro e forte. I numeri e purtroppo i debiti non sono un’opinione.

  21. Piero from Genoa

    Ma com’è che ste Banche PRIVATE.. Italiane&NON.. son tutte fallite ma non lo si può dire (RBS è forse meglio di MPS) ?

    Ma perchè Di Là e Di Qua dell’Atlantico son State Salvate dal PUBBLICO STATO dei Contribuenti con “pare” 5000 Miliardi di $.. eppure i Loro Capi son sempre lì od un poco più in Là ?

    Ma perchè Mussari (Avvocato prestato alla Finanza) che non si accorse di Comprare Antonveneta al triplo del Valore è stato Ri-Eletto a capo dell’ Abi ?

    Ma chi erano i Padroni che ha Guadagnato così Bene Vendendo Antonveneta ?

    Ma l’attuale Ministri delle Infrastrutture dirigeva mica una Banca che Finanziava le Infrastrutture ?

    Ma perchè Radio24 & Giannino & Qualunque Altro Mass Media NON POSSONO dire questi FATTI con Chiarezza senza aver paura di …. ?

    Gli STATI ne han fatte di Cotte e di Crude.. con Spese Clientelari ed Evasioni Fiscali = Debiti Fuori Controllo… ma le PRIVATE Banche del Mondo ne han fatte pure di peggio..

    LIBERISTI E KEYNESIANI DOVREBBERO AMMETTERE CHE LA VECCHIA DISTINZIONE TRA STATO E MERCATO E’ FINITA..
    SON TUTTI E DUE UN COACERVO DI CONFLITTI DI INTERESSE DA CUI CREDO USCIREMO CON LE OSSA ROTTE..

    PS: link su MPS … bello bello…

    http://www.linkiesta.it/mps-anima

  22. Piero from Genova

    @Claudio Di Croce

    tutto vero 100%…

    x completezza aggiungiamo che MPS ha fatto affari molto belli col Fondo Clessidra (belli x Clessidrà of course.. da cui Brutti x MPS).. dietro cui c’è pure il Tuo Amico B. 🙂

  23. Davide Ferretti

    Beh…sono d’accordo sulle considerazioni di Oscar Giannino sul Monte dei Paschi di Siena. I politicastri hanno distrutto la Banca e l’occhio disattento ( o complice ) della Banca d’Italia ha dato una mano ( oppure non l’ha data a seconda di come si voglia leggere la vicenda ). Una Banca nata a metà ‘400 in pratica nel Rinascimento…è stata affossata in 10 anni con il grande aiuto dei suddetti e del loro amico Mussari. E l’ulteriore e VERO scandalo è che quest’ultimo, per ringraziarlo e per promuoverlo, sia stato nominato presidente dell’ABI !!! Ma scherziamo ? E per quali meriti ? Oppure gli si è comprato il silenzio..promuovendolo o cos’altro ??? Mio nonno era stato direttore dell’MPS dagli anni ’30 a metà anni ’50. E raccontava che, quando per un periodo venne nominato direttore nella sua Città e mia ( Montecatini Terme )…chiamò tutti i parenti e ne aveva tanti….dicendo loro di togliere tutti i conti dalla Banca per una presunta ( forse ) ma vera, ritengo anch’io ed ancora, incompatibilità !!! Eh già…..altri tempi.
    Davide Ferretti

  24. Bruno

    Scusi Oscar vedo che cita la Consob ma ha per caso visto come sono stati architettati gli ultimi aumenti di capitale di Unipol e di Fondiaria SAI con il totale azzeramento dei capitali dei piccoli investitori, il silenzio della quasi totalità dei media e il benestare della Consob. Di cosa ci stupiamo?

  25. marco

    Se si manda a fare il ministro di tesoro ed economia un fiscalista e si promuove una zucca come Fazio a Bankitalia resta solo la baggianata delle fondazioni come elemosiniere per il conrollo politico (degli elettori delle fondazioni) delle largizioni territoriali…..ah dimenticavo il liberismo provincialgovernativo ostile ai consolidamenti transnazionali ed i debitori nei consugli di amminiastrazione degli enti creditori; all’estero se ne parli pensano che racconti una barzelletta.

  26. Fra

    Ho sentito che la Federal Reserve vuole stampare e immettere di nuovo liquidità. Ok la liquidità ma non con nuova moneta proveniente dal nulla. Alcune testate italiane hanno addirittura elogiato la manovra. Credono che vada in soccorso di Obama e della BCE. Forse dovrebbero valutare l’esatto opposto.

  27. fonte: http://pandaincazzato.wordpress.com/2012/09/04/e-limu-per-partiti-e-chiesa-e-sparita/
    E’ da febraio che si attende che il ministero del tesoro che stabilisca effettivamente quando l’attività «dichiarata» non profit di
    chiese, partiti e fondazioni è da considerarsi esclusivamente non commerciale e
    quanto debba essere versato al Fisco. E’ importante ai fini dell’IMU.

    Da febbraio attendiamo, e ancora non si parla neanche di discutere tale decreto. Che fine ha fatto? Noi paghiamo l’IMU e la chiesa e i partiti no? Capisco che il PD o il PDL (i due partiti presumibilmente più ricchi d’Italia) dovrebbero pagare un fottìo di soldi, ma non è mica bello che non li paghino. E che dire di FLI e IDV e API? Insomma hanno milioni di euro investiti in immobili (ricordate la casa a Monte Carlo??) e non pagano niente?

  28. Marat

    Dottor Giannino per quando fara’ un’altra trasmissione sul fisco le segnalo questa scenetta(divertente da ascoltare anche per radio)con franco franchi e ciccio ingrassia.
    con franco nei panni del debitore che si reca dal funzionario del fisco ciccio.
    dialoghi meravigliosi e surreali…o forse fin troppo realistici…

    http://www.youtube.com/watch?v=dhABKj4oHyk&feature=related

    Franchi Ingrassia: Il Fisco

    saluti ^^

  29. claudio

    perché le banche non ritornano a fare le banche come hanno fatto per centinaia di anni finanziando le persone e le aziende pur guadagnando, senza speculare su titoli spazzatura,
    Si dovrebbe dividere le funzioni la banca fa la banca, se vuoi speculare e rischiare di guadagnare o perder vai in un’altra istituzione, ma sai che rischio corri.
    bei tempi quando lo stato possedeva una banca, anche se mal gestita.

  30. massimo

    Mi chiedo se tutto quello che è accaduto nel MontePaschi negli ultimi dieci anni sia assolutamente legale, oppure valga la pena che qualche volenteroso magistrato spulci un po’ di carte.

Leave a Reply