Critiche e spread, Monti ha torto ma Squinzi…pure

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (3 voti, media: 4,33 su 5)
Loading...

Trovo risibile l’argomento di Monti “chi critica alza lo spread”.  Dice solo implicitamente che intende candidarsi in ploitica, e non c’è nulla di male, basta saperlo. Ma l’argomento l’abbiamo già udito letteralmente da Berlusconi e altri suoi predecessori. Se questo fosse il criterio, prima di Confinduistria dovremmo bandire innanzitutto la Cgil. E se siete benpensanti che di Monti apprezzano comunque che la colpa del disastro italiano non sia sua – vero! – e pensate che Confindustria in ogni caso sia più “istituzione” della Cgil e dunque dovrebbe naturalmente moderare le parole, non so dovre andremmo a finire se usassimo lo stesso metro per molti pm o per Repubblica. Il punto dunque non è questo, anche se ovviamente molti industriali pensano legittimamente che Confindustria debba avere rapporti istituzionali corretti coi governi in carica e debba dare comunque una mano a un governo che ha credito in sede internazionale, e per questo hanno risposto affermativamente alla chiamata contro Squinzi che Montin ha lanciato. Il punto è che se a noi sembra che Monti abbia torto nel modo e nella forma, Squinzi con le sue dichiarazioni alla Cgil ha invece …. torto nella sostanza!Come la pensiamo qui è arcinoto, e abbiamo dedicato post al decreto sulla spesa pubblica. La pensiamo diversamente sul punto essenziale che per noi è di fondo: il debito pubblico va abbbattuto con cessioni di patrimonio pubblico, i tagli rilevanti che servono alla spesa corrente pubblica vanno retrocessi in meno tasse per far ricrescere lavoro e impresa. Purtroppo Monti NON si muove in questa prospettiva, non l’ha mai dichiarata, sulle dismissioni pubbliche si è limitato ad avviare procedure da bradipo attraverso CDP – duqnue interne al recinto pubblico – , è convinto che sia già molto tagliar spesa per far fronte a.. nuove spese, come avviene col decreto che incide in tre anni per 26 miliardi, ma solo per disporre copertura a 22,6 miliardi di spesa DIVERSA, e dunque riducendo in termini reali la spesa corrente di 720 miliardi dello 0,44% IN TRE ANNI E CON ZERO EURO A MENO TASSE!

Ma questo è ciò che pensiamo noi, veniamo a Squinzi.  Che personalmente stimo e mi sta molto simpatico, ma è altro paio di maniche perché nel giudizio pubblico la stima personale non deve far velo. Se il giorno del decreto sulla revisione della spesa Squinzi dice – come ha detto – “benissimo, il nostro pieno incoraggiamento a Monti e viva Bondi, siamo solo agli inizi e bisognerà continuare per anni”, allora il giorno dopo non può davanti alla platea della Cgil dire “no alla macelleria sociale” e “sì alla patrimoniale, basta che non la paghino le imprese”. Perché il diritto alla critica volterrianamente lo difenderò sempre, ma Squinzi cade in una contraddizione logica macroscopica con se stesso e quel che ha detto il giorno prima. Oltre a offrire improvvidamente il destro a Monti per una normalizzazione delle critiche dal fronte dell’impresa.

La forza di Monti è implicita, “ma non vedete quanto siamo meglio di chi c’era prima?”.  La debolezza delle imprese, da oggi è più esplicita. La conclusione? Chi la pensa come noi non trova ancora, nell’offerta pubblica attuale, interlocutori che diano gambe e braccia alle nostre idee.

Commenti [128]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *