Acea. Cent’anni de pianti, nun pagheno un sordo de debiti

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (4 voti, media: 5,00 su 5)
Loading...

Il comune di Roma, trovandosi come suol dirsi a navigare nella merda (merda quantificabile in un indebitamento per circa 12,5 miliardi di euro), sta per varare la “privatizzazione” di Acea. Il problema è che quello che i media e il sindaco, Gianni Alemanno, chiamano privatizzazione, in realtà privatizzazione non è, in quanto presuppone comunque il mantenimento di una quota di controllo al Campidoglio. In più, siamo al paradosso per cui il venditore vorrebbe scegliersi il compratore e, essendocene uno buono per tutte le stagioni, non esita a tirarlo pubblicamente per la giacchetta: la Cassa depositi e prestiti.

Quella romana è una vicenda tra le più surreali, persino nel variegato mondo delle municipalizzate. Il comune ha resistito in ogni modo alla cessione di quote delle sue partecipate, potendo contare sull’aiuto di un governo amico. Già all’epoca del maxiprestito, eravamo intervenuti sul tema con un Focus di Piercamillo Falasca, che individuava la soluzione proprio nella cessione (integrale) di Acea. Ci siamo?

Macché. Il comune avrebbe in animo in primo luogo di riunire tutte le controllate (incluse Ama e Atac, le cui prospettive di alienazione sembrano tramontate) sotto una unica holding, e poi di utilizzare questo strumento per procedere al collocamento di tranche azionarie più o meno importanti, à la carte, senza un disegno e sulla base delle esigenze finanziarie del momento. Al momento, l’operazione più semplice – perché non implica grandi scornamenti coi sindacati – è appunto quella su Acea. Che, giusto per garantire ulteriormente che non un posto di lavoro verrà toccato, e naturalmente nell’ipotesi eroica che l’azienda non sia sovra-organico e che neppure un fattorino sia stato preso in quanto amico di amici o parente di parenti, parrebbe avvenire in forma anomala.

Una possibile forma anomala è quella dell’ “azionariato popolare”. In pratica, nessuno potrebbe acquistare più del 2 per cento del capitale, e nessuno che possegga più del 2 per cento potrebbe pigliare anche una sola azione. Traduzione: stop ai soci ingombranti, cioè Francesco Caltagirone (che oggi ha il 15 per cento) e GdfSuez (11 per cento), ammesso e non concesso che siano interessati a crescere.

Seconda (e preferita) alternativa: l’ingresso, appunto, della Cassa depositi e prestiti, che al momento non conferma né smentisce il suo interesse.

Va da sé che la prima soluzione sarebbe inefficace (rispetto all’obiettivo di Alemanno) nel senso che, se anche le azioni fossero acquistate da un ampio numero di Signor Nessuno, sarebbe praticamente impossibile impedirgli di cedere le loro quote, in un secondo momento. La seconda sarebbe invece molto pericolosa, perché si tratterebbe dell’ennesimo freno alla trasformazione di società comunque importanti in veri e propri soggetti di mercato. Cosa che il mercato gradirebbe, come dimostrano gli andamenti positivi del titolo ogni volta che la parola “privatizzazione” viene anche solo nominata.

Privatizzare, nell’ottica aziendale, è importante perché consente di slegare gli obiettivi del gruppo da quelli “politici” della giunta, e dalla demagogia dei politici (qui un esempio recente e romano). Che infatti sono scatenati contro la cessione parziale di Acea al grido del “no alla privatizzazione dell’acqua”, senza rendersi conto che in ballo non c’è, purtroppo, né la privatizzazione di Acea, né tanto meno quella dell’acqua.

In sostanza, il comune sta facendo poco e male la cosa giusta, col rischio di trasformarla in una cosa inutile, o utile solo a determinare un’entrata straordinaria e alleviare, temporaneamente, le difficoltà finanziarie di Roma capitale. Il fatto è che non saranno i circa 200 milioni di euro ricavabili dal 20 per cento di Acea a determinare grandi cambiamenti. Bisogna smetterla di usare a sproposito la parola “privatizzazione”. Privatizzare vuol dire vendere aziende pubbliche ai privati: non vendere partecipazioni finanziarie di società la cui testa rimane comunque eterodiretta, e non organizzare partite di giro in cui soggetti pubblici comprano soggetti pubblici da altri soggetti pubblici.

Commenti [4]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *