22
Ott
2011

(Not) Doing Business 2012

E’ uscita l’edizione 2012 del rapporto “Doing Business“, nel quale la Banca mondiale censisce, attraverso dieci indicatori, l’attrattività dei diversi paesi rispetto all’iniziativa imprenditoriale. Secondo voi l’Italia sale o scende in classifica?

Con l’87mo posto in classifica (su 183), l’Italia perde quattro posizioni rispetto all’anno passato. Nel 2011 avevamo una posizione migliore in 7 dei 10 indicatori, mentre negli altri tre siamo rimasti stabili. L’arretramento peggiore, addirittura di dieci caselle, si registra nella categoria “avviare un’impresa”, principalmente a causa del miglioramento dell’ambiente normativo all’estero. Perché il messaggio che ormai da 8 anni ci arriva dalla Banca mondiale è che il resto del mondo si è posto il problema di come rendere la vita più facile alle imprese, e ha cercato di dare risposte. Noi, no, e anche quando l’abbiamo fatto, con intensità insufficiente.

Come nel passato, dunque, l’Italia non è forte su nessun terreno, ma su alcuni è particolarmente debole. Sui permessi edilizi siamo 96mi. Sugli allacciamenti alle reti energetiche, 109mi. Sul mercato del credito, 98mi. Sulla facilità a pagare le imposte, 134mi (134!). Sull’enforcement dei contratti, 158mi (su 183!!). Chi legga la scheda relativa all’Italia nel 2012, non troverà quasi alcuna differenza rispetto a quella del 2011, che era uguale a quella del 2010 che rifletteva quella dell’anno prima eccetera eccetera.

Quindi, c’è un motivo se i giornali oggi non se ne sono occupati. Non c’è la notizia. C’è, però, della sostanza che merita di essere approfondita. Ed è, in fondo, semplice: se il tema della discussione politica di oggi è il decreto sviluppo, ecco, nell’indagine della World Bank ci sono tutte le indicazioni necessarie a riempirlo. Non stiamo parlando, nella maggior parte dei casi, di interventi che abbiano un impatto sul bilancio pubblico: stiamo parlando di liberalizzazioni oppure di semplificazioni o ancora di miglioramento nella qualità e nell’efficienza della pubblica amministrazione (che, in generale, implica una riduzione dei costi, specie del costo del lavoro, o un aumento della produttività, generalmente attraverso una migliore organizzazione del lavoro).

Volendo scegliere un indicatore, quello più significativo è legato al fisco. L’aliquota totale sui profitti delle imprese è pari al 68,5 per cento: abbiamo troppe tasse (dunque troppa spesa, non troppo poca, come sostengono quelli che vorrebbero un decreto sviluppo oneroso per le finanze pubbliche). Ci vogliono 285 ore all’anno per compilare la dichiarazione dei redditi. E, per quel che riguarda la garanzia dei contratti (che poi è una misura indiretta dell’efficienza nell’amministrazione della giustizia) servono 1245 giorni per capire chi, tra i due contendenti, ha ragione e chi torto.

Ecco: da qui non si può non partire se si vuole fare qualcosa di buono per il paese. Tutto il resto sono chiacchiere fastidiose.

You may also like

La gestione pubblica del servizio idrico—di Alessandro Barchiesi
Flat Tax: una replica a Vito Tanzi—di Eugenio Somaini
Quando l’ottimo è nemico del bene. Risposta ad Alberto Bisin sulla flat tax—di Nicola Rossi
La riforma della confisca: un “vulnus” per il diritto e la libertà economica

3 Responses

  1. Luca

    Non entro nel merito dell’articolo: non si potrebbe fare altro che sottolinearne una parola dopo l’altra.

    È un’altra prova, se ce ne fosse ancora bisogno, che le persone intelligenti, preparate e capaci di pensare ad una strategia politico/economica vincente ci sono anche in Italia.

    Quello che non riesco davvero a capire è perché sembra non ce ne sia una (dico UNA!) che sieda non dico al timone di questa nostra barca, ma almeno in qualche posizione di controllo.

    Che tristezza…

  2. Piero

    Luca :Non entro nel merito dell’articolo: non si potrebbe fare altro che sottolinearne una parola dopo l’altra.
    È un’altra prova, se ce ne fosse ancora bisogno, che le persone intelligenti, preparate e capaci di pensare ad una strategia politico/economica vincente ci sono anche in Italia.
    Quello che non riesco davvero a capire è perché sembra non ce ne sia una (dico UNA!) che sieda non dico al timone di questa nostra barca, ma almeno in qualche posizione di controllo.
    Che tristezza…

    perchè non è solo questione di intelligenza.. è questione di interessi elettorali e di gruppo…

    se tagli pensioni e dipendenti pubblici si lamentano sindacati & sinistra & leghisti..

    se liberalizzi professioni e fai lotta evasione e metti patrimoniale over 800 esclusa produzione (che a Carlo e forse pure a te non piace) si lamentano quelli di destra..

    se depenalizzi falso bilancio (evasione+corruzione) confindustria è muta perchè sotto sotto interessa pure a lei..

    è un paese bloccato dai gruppi di pressione in lotta OGNUNO x difendere proprio orto e scaricare 100% costi sugli altri.. x me è questa principale causa declino di tutti gli indici di Carlo Stagnaro…

    ieri ero a seminario su Scienza Economica (c’era pure un fisico quantistico che applica matematica molto spinta ai mercati).. ad un certo punto hat citato questo motto :

    “Nessun fiocco di neve si sente mai responsabile di una valanga”
    Voltaire

Leave a Reply