You may also like

Repetita iuvant: vendere quote del tesoro alla Cassa Depositi e Prestiti non significa privatizzare.
Enav: l’ennesima finta privatizzazione (e presa in giro)
La gestione pubblica del servizio idrico—di Alessandro Barchiesi
L’#acqua pubblica tra retorica e realtà – L’#Hashtag di Serena Sileoni

3 Responses

  1. marco

    visto che le segnalazioni sui referendum su questo sito sono, molto liberalmente, tutti a senso unico e in gran parte opinioni, e molto più spesso chiacchere supportate da dati accrocchiati in vario modo, vi segnalo questa notizia: http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2011-05-25/svizzera-fuori-nucleare-entro-165932.shtml?uuid=AaE0xPaD
    Un altro stato dopo la Germania ha posto fine all’impostazione nuclearista della sua politica energetica. Dal 2034 la Svizzera sarà uno stato libero dal nucleare e per noi italiani, vicini e confinanti è una gran notizia.

  2. Francesco Salonia

    Mi sfugge la pertinenza dell’intervento di Marco.

    Mi è anche sfuggita negli ultimi due mesi di raccolta di informazioni una analisi che fosse una da parte dei molti sostenitori del “Si” a priori. Da parte loro vedo solo slogan, filastrocche e canzonette.

  3. gio

    Mi scusi signor Marco, considerando che la notizia è interessante, anche se ne ero già al corrente, e che comunque il nucleare da lì ci fa gran poca cosa se rapportato a tutto il restante parterre di centrali che ci orbitano attorno tuttora mantenute, Francia in primis, e pure evitando di discutere di tutti i paesi che il nucleare lo mantengono o meglio potenziano, pure il Senegal ci s’è messo – e neppure inizio a discutere dei problemi a cui andrà incontro, e che GIA’ sta affrontando la Germania a seguito della sua lecita ma un tantino impudente presa di posizione – una domanda se permette: mi dice cosa diamine c’entra questa informazione su una pagina che parla di acqua?

Leave a Reply