22
Feb
2011

Borsa chiusa. L’alternativa: o è grave, o è gravissimo

Stamane la Borsa italiana non ha avviato le sue operazioni di contrattazione. Uno scarno comunicato ha informato che sussiterebbero “problemi tecnici” non meglio identificati, e in via di accertamento. Ma è stato comunicato altresì che si ignora per quanto potrebbe durare la chiusura.  Per carità, il diavolo si nasconde sempre nella complessità. Ma è molto grave che la cosa avvenga oggi, e che non se se sappia di più. Non fateci pensar male. Cioè che si tratti di un escamotage per impedire o dilazionare l’effetto sui tanti titoli – Eni, Unicredit, Impregilo, Finmeccanica –  toccati e coinvolti dalle vicende libiche. ieri la Borsa italiana è quella che più ha perso, per l’esposizione nazionale al Gheddafi System. Non è che i mercati si possano tenere aperti solo i giorni in cui brilla il sole. Così, si tagliano le mani a tutti coloro che legittimamente opererebbero sui nuovi prezzi in via di formazione. Se guasto è, bisogna saperlo con precisione e con tempi affidabili di riavvio. Se guasto non dovesse essere, sarebbe uno scandalo gravissimo, una ferita alle regole elementari del mercato stesso e, prima di tutto, alla libertà senza della quale il mercato non esiste. Ogni eventuale accostamento  alle interruzioni automatiche alla trattazione in caso di crollo dei prezzi per eccesso di High Frequency Trading- le vendite automatiche disposte dai computer per soglia abbattuta di prezzo di resistenza – non ha infatti alcuna logica. Ripeto: quando i regimi crollano e rischi e convenienze economiche e finanziarie si riallenano drasticamente, il mercato deve eessere lasciato proprio allora assolutamente libero di valutarle e prezzarle. Ci mancherebbe solo che lo Stato si metta di mezzo, perché sono grandi gruppi pubblici e grandi banche a esserne investite.

You may also like

Se l’Italia passa come la terra delle opportunità
Con Draghi l’Eeuropa è ripartita. Noi no, e la colpa è solo nostra
Addio a William Baumol
OPA e stranieri: la norma “antiscorrerie” premia l’inefficienza

34 Responses

  1. Riccardo

    Un vecchio saggio della politica italiana affermava che a pensar male si fa peccato, ma ci si indovina sempre. E se quel politico era uomo di Chiesa…

  2. marco

    Caro Oscar,
    questa situazione rende proprio l’idea della visione “italiana” di libera economia e mercato. Poche mani tentano in maniera pressapochista di manipolare il mercato cercando di tutelare i propri interessi, non capendo quali saranno le conseguenze dei futuri invenstimenti nel ns. paese, che già sono scarni a giusta ragione.
    L’immagine che ne esce a livello internazionale, istituzionale, economica e di sviluppo/investimenti è devastante e imbarazzante.
    Dimenticavo il danno hai piccoli investitori, fosse solo per il fatto dei costi delle piattaforme, oggi inutilizzabili, che pagano alle BANCHE.

    Siamo sempre più la repubblica delle banane… con tutto il rispetto per chi le banane la mangia per sopravvivere.

  3. azimut72

    Sarebbe ora di mandare a casa il Governo.
    E non si dica che non è responsabile.
    Quando accadono certe cose è necessario cambiare.

    Ps. Quanto hanno ragione quegli imprenditori italiani che non vogliono entrare in Borsa!!!!

  4. Ho lavorato e lavoro da troppi anni nell’ICT con multinazionali. POSSIAMO ASSOLUTAMENTE ESCLUDERE CHE SIA UN PROBLEMA DI COMPUTERS O SISTEMI OPERATIVI. A meno che… non ruzzolino alcune teste….cosa impossibile in italia. Inoltre siamo pronti a reggere il peso del peccato che reca seco l’infallibilità.
    Macelleria Messicana di dipendenti Pubblica Amministrazione Wisconsin
    STANDING OVATION !!
    Quando mai, …..in italia, ….od in sicilia avremo il brivido di sognare questo.
    Quando mai il campione indigeno di “dressage parlamentare” riuscirà a fare 1/1000 del Governatore SCOTT.
    Articolo da “fuori di testa”.
    http://www.repubblica.it/esteri/2011/02/18/news/wisconsin_rivolta-12600118/
    Qnd Mr. Giannino implora una chiarezza purificatrice su “cos’è” TAGLIO DELLA SPESA PUBBLICA, dobbiamo “ammirare estasiati” il Governatore del Wisconsin, declamando: in Wisconsin si applica tout court. PUNTO !!.
    Mr SCOTT è un duro&puro genuino…..non come la Sarah Palin….!
    Serenissimi Saluti
    Martino

  5. Non è purtroppo la prima volta che succede e i sospetti si rincorrono puntualmente visto la curiosa coincidenza di guasti con giornate particolarmente “difficili”. Sarebbe interessante anche valutare la reazione del mondo dell’informazione alla notizia, se verrà data la giusta rilevanza e spiegato il fatto o se si preferirà puntare i riflettori sulla solita caciara (partite di calcio, polemiche post festival, bunga bunga… abbiamo l’imbarazzo della scelta di solito).
    Purtroppo temo la seconda: i problemi e la ricerca delle soluzioni annoiano il “grande pubblico”, i diversivi funzionano sempre (panem et circenses!). Così non mi stupirei che nessuno alla fine venga chiamato a pagare il conto nè del “disservizio” di Piazza Affari nè di altri e ben peggiori problemi (che so: l’adeguatezza o meno dell’attuale politica energetica italiana, se esiste una politica energetica italiana) che pure incidono e sempre più incideranno sul futuro nostro e dei nostri figli.
    Ma è freddo nello scriptorium e il pollice mi duole: torniamo a pensare ad altro, “prima o poi” tutto si aggiusterà, no? E’ il ritornello che sentiamo da decenni in qualunque circostanza…

  6. Il problema dovrebbe essere veramente tecnico, o almeno lo spero. So solo che appena riapre ci saranno una marea di short. Comunque, sembrerebbero in corso le operazioni di ripristino.

  7. commercianti....

    forza silvio = short italia..
    così si và in autohedging rispetto al rischio a cui siamo esposti essendo di qui…

  8. giusto: o è grave o è gravissimo… ho letto che anche su questo qualcuno ha colto l’occasione per invocare le dimissioni del governo, beata la nazione che non ha qualcuno di questi commentatori in circlazione… piuttosto direi che attendiamo le dimissioni di qualche top manager operativo di borsa italiana, magari sarà ‘incolpevole’ però purtroppo un evento così in una giornata così esige ‘la testa’ di un top di adeguato peso… e mi metto anch’io nella lsita dei commentatori inutili

  9. Anemone

    Vale la pena ricordare che la Borsa Italiana appartiene a quella londinese che funziona benissimo come tutte le altre piazze continentali.

  10. gabrio

    E’ già la seconda volta che succede in giornate particolari come queste e si fa fatica a non pensare male. Ciò che sta succedendo è francamente vergognoso e con i tempi che corrono non è sano investire in una borsa cosi. Un investitore dovrebbe stare alla larga dal mercato italiano e probabilmente Tremonti che considera investitori solo quelli che comprano ne sarebbe contento.

  11. Spero vivamente che si tratti di un problema tecnico, altrimenti sarebbe una vergogna senza fine. La nostra credibilità è già talmente bassa che questo darebbe il colpo di grazia!

  12. Maurizia

    Purtroppo, pur non essendo del mestiere ma conoscendo i miei polli
    italiani, l’ho pensato anch’io. Che lo sospetti lei mi preoccupa davvero.

  13. Giuseppe

    Non credo alle strane coincidenze, per motivi tecnici, credo piuttosto a fattori speculativi vergognosi a danno dei piccoli investitori.

  14. Tony

    Ma la Consob ha potere di controllo sull’affidabilità delle piattaforme di negoziazione ? Può sanzionare LSE per fuori servizio prolungati ? La SEC fa questo ed altro, che mi risulti (vedi le investigazioni sul flash crash del 2010). Spero di non aver fatto sorridere troppi ….

  15. Tony

    A proposito, il sito Borsa Italiana riporta giusto un fondo di notizia sull’evento. E poi, giusto un laconico ‘apertura in calo’ … delle ore 15:44! Per il resto, nulla. Ah, il fondo notizia di cui sopra riporta ‘Secondo quanto segnalato da ZeroHedge che ha contattato un grande operatori di mercato questa mattina sarebbero stati ipotizzabili grossi ordini di vendita su alcuni titoli di società a grande capitalizzazione dell’Ftse Mib’ … ehem …

  16. bischerotto

    secondo me è stata un’opera meritoria salvaguardare la capitalizzazione di alcune delle maggiori aziende italiana da una speculazione che non si fonda su alcun dato aziendale nè su plausibili aspettative future
    a maggior ragione che in tempi di bot a 0% questi ed altri titoli sono diventati beni rifugio dei risparmi degli italiani
    si fanno tanti trucchi nella finanza per danneggiare i risparmiatori, una volta tanto che si sia fatto un trucco a loro favore non è proprio il caso di stracciarsi le vesti
    può farlo solo chi ha scommesso al ribasso e consentitemi di non dargli alcuna solidarietà 😉

  17. armando

    quello che e strano e che mentre le contrattazioni elettroniche erano ferme l indice FTSEMIB continuava a muoversi

  18. Andrea

    Per la miseria, concordo con Maurizia… l’ho pensato anch’io ma se Lei ne fa un addirittura un articolo… sono curioso di vedere casa succedera’ domani perché obiettivamente non saprei dire

  19. Vittorio

    Egr. Dott. Giannino,
    non mi stupirei del blocco della Borsa per salvaguardare dalla discesa alcuni titoli, spero di no!
    Comunque tutto ciò dimostra la leggerezza con cui si muovono amministratori, presidenti, ecc. delle nostre più grandi aziende, ma è possibile dare in mano quote importanti di nostre aziende a paesi considerati sempre a rischio?
    Tutto questo vuol dire che questi Signori non hanno mai rischiato in proprio, ma con i soldi degli altri e allora devono essere mandati a casa, perchè costituiscono un pericolo per la nostra economia.

  20. Riccardo

    Ieri mi trovavo all’estero e nel parlare con dei signori tedeschi ho avuto la netta impressione che anche loro pensassero male.
    Sinceramente non me la sono sentita di dargli torto e quando nel pomeriggio si sono riavviate le contrattazioni ( dopo l’apertura di wall street ) ho pensato male per la seconda volta.
    Questo purtroppo si chiama SPUTTANAMENTO.

  21. christian m

    caro oscar, credo proprio che qualcosa di “strano” sia davvero accaduto, che tristezza. Ma dove stiamo andando di questo passo?

  22. @armando

    Il flusso dei dati degli indici dovrebbe utilizzare una tecnologia diversa rispetto agli altri mercati, pur essendo diffuso attraverso il Ddm Plus. L’ IDEM, dove sono quotati futures e opzioni, era aperto normalmente ( stavo operando ), poi è stato chiuso verso mezzogiorno. Mi sembra impossibile che tu abbia un grafico ininterrotto, a meno che tu non stia guardando su siti come Sole24Ore o simili dove i dati non sono tick by tick. Tra l’altro sembrerebbe che l’Infoelect ( il corrispettivo inglese del DDM plus ) funzionasse perfettamente.
    Si dovrebbe quindi trattare veramente di un guasto tecnico; ciò non toglie la GRAVITA’ dell’evento. In fondo senza una borsa che funziona, non funziona nemmeno il libero mercato. Si nega la possibilità di acquistare/vendere liberamente azioni,obbligazioni etc…

  23. Pitocco

    Toh!
    Adesso Oscar si è accorto che il mercato è manipolato!!!

    Il messaggio è chiaro, no?

    Lasciamo il mercato libero, come se fosse una bestia a se stante e non manipolata dalle mani forte che ne determinano il percorso, che da solo (bestemmia immorale) saprà prendere la sua strada (quella dei shortisti?).

    Pur convenendo che in una condizione di libero mercato, ma sappiamo che libero NON lo è affatto, il fatto che abbiano chiuso le contrattazioni per un tempo non definito è la palese dimostrazione che forse, ripeto forse, qualcuno ancora ci tiene a tirare i remi in barca prima che arriva la vera mattanza. Già lo hanno fatti i vari De Benedetti e soci prodiani vari con le poche aziende che bene-o-male funzionavano e che ci sono state rapinate, ma che ci vogliano anche sottrarre Eni/Finmeccanica sarebbe un oltraggio a tutti gli italiani ed una lesa maestà.

  24. Marco

    Egregio dottore, è la prima volta che intervengo nel suo blog, sono un operatore di borsa di alcuni family office, e le devo dire che questa pseudo interruzione non ha convinto nessuno del settore…ancora meno tranquillizzanti sono state le scarne informazioni che sono seguite….

  25. antonio

    @pitocco
    il mercato non funziona. I colpevoli sono De Benedetti e i prodiani che cospirano nell’ombra. Qualcuno avvisi pitocco che Prodi non è più Presidente del Consiglio, che il ministro competente è uomo di Berlusconi così come il Presidente di Consob.
    Neanche i trinariciuti di Guareschi arrivavano a simili livelli. E’ la dimostrazione che talvolta gli estremi si toccano.

  26. dottpaolini

    O uomini di poca fede oggi sono entusiasta di rileggere la marea di cazzate dette Da tutti i grandi geni che non potranno fare a meno di costatare che anche la borsa di londra. La più efficente del mondo. A subito uno stop ben più disastroso del nostro. Riflettete riflettete gente siete troppo piccoli…..
    .

  27. Renato..

    Personalmente non credo al “guasto tecnico”………
    Ritengo cha la cosa da fare sarebbe stata (con senso della responsabilità e della correttezza) quella di dichiarare che la borsa é chiusa per evitare le speculazioni (e/o sarebbe stato sufficiente anche solo sospendere i titoli “caldi”) ma non “nascondersi” dietro una menzogna!!!! (ovviamente per questo tipo di azione qualcuno si doveva assumere delle responsabilità ma “nessuno” ne ha avuto il coraggio…..)

    Povera Italia!!!!! (e che figura!!!)

Leave a Reply