17
Nov
2010

L’auto europea drogata e Fiat

Sono arrivati i dati dell’andamento del mercato auto in Europa e sono tragici. I sussidi dei vari Governi europei dati nel 2009 hanno drogato il mercato, con la sola conseguenza di anticipare la domanda e di provocare una caduta nel 2010. Le vendite nel mese di ottobre sono scese a poco più di un milione di vetture in tutta l’Unione Europea, con una contrazione di oltre il 16 per cento rispetto allo stesso mese del 2009. Il livello è più basso anche di quello registrato nel 2008, mese di crisi globale, dopo la caduta di Lehman Brothers. Sussidiare il mercato dell’auto con gli incentivi si è rivelata non solo una politica inefficace, ma soprattutto dannosa. Nel settore auto motive servono interventi strutturali, non le solite politiche di breve termine. La dimostrazione arriva non solo dall’Italia, dove la caduta nel mese di ottobre è stata del 28,8 per cento, con una forte crisi di Fiat, ma soprattutto dalla Germania guidata dalla Cancelliera Angela Merkel.

Nel corso del 2009, anno nel quale si sono svolte le elezioni (27 di settembre), la Germania ha attuato una politica d’incentivi all’acquisto molto aggressiva. I sussidi sono terminati appena concluse le elezioni e la conseguenza è stata quella di una caduta del mercato. Dall’inizio del 2010 le vendite sono calate del 26,8 per cento.

La crisi post-incentivi o da “mercato drogato” colpisce maggiormente quelle aziende che avevano beneficiato dei sussidi.

Le case automobilistiche concentrate sul segmento delle “piccole-medie” erano state quelle che più avevano incrementato le vendite perché proprio su questo segmento erano andati i maggiori incentivi. Fiat era una di queste.

L’azienda torinese, infatti, ha perso il 33 per cento a livello europeo nel mese di ottobre e la caduta delle immatricolazioni è stata di quasi il 17 per cento da inizio anno, a fronte della caduta del 5,5 per cento del mercato.

Se la Germania va male nel settore vendite, lo stesso non accade a livello produttivo, dove continua a correre la produzione. Come è possibile?

Nel paese teutonico sono state prodotte quasi il doppio delle auto che sono state vendute lo scorso anno. Il vantaggio tedesco non deriva certo da un costo del lavoro basso, quanto dalla specializzazione e da un sistema che invoglia gli investimenti.

Un tasso di burocrazia molto meno elevato rispetto all’Italia, una flessibilità nei contratti di lavoro che permette maggiore efficienza e una tassazione effettiva per le imprese meno bassa (Dati World Bank 2010) aiutano lo sviluppo di impianti di produzione in Germania.

Un altro fattore chiave è il mercato. Le aziende producono molto spesso laddove vi è un mercato importante.

Perché le aziende tedesche sono andate a produrre in Cina? Per abbassare il costo del lavoro? La motivazione principale della produzione di Volkswagen in Cina è dipendente dall’importanza del mercato cinese. La casa automobilistica tedesca vende ormai in Cina il 75 per cento del numero di veicoli venduti in tutta Europa e quasi il doppio di quando ne venda in Germania.

Cosa puó imparare l’Italia e la sua classe governante?

In primo luogo che gli incentivi drogano un mercato, ma non servono a nulla nel medio-lungo periodo. Anzi aggravano la crisi.

In secondo luogo che i Governi, invece di puntare sulla solita politica dei sussidi, dovrebbe concentrarsi sui problemi reali dell’Italia.

Nessun governante non ha mai visto che l’unico produttore in Italia si chiama Fiat e che nessuna casa automobilistica estera viene nel nostro Paese?

Affrontare i problemi di un costo del lavoro elevato a causa di una tassazione esagerata, di un’eccessiva burocratizzazione, di contratti troppo poco flessibili farebbero cambiare l’Italia.

Sergio Marchionne sta combattendo sull’ultimo punto contro la Fiom, ma sugli altri punti solo il Governo può agire.

You may also like

Un apologo: le pecore inglesi e Marchionne—di Matteo Repetti
I “deficisti” nostrani tifano Brexit e Podemos, noi no
Profughi: la Germania non aveva capito, ora è lei a dire che i profughi son troppi
Tra profughi e migranti, due rischi per l’Italia

5 Responses

  1. Flavio un'altro

    5 stelline di default.
    Purtroppo però, leggendo ed eventualmente commentando gli interventi in questo blog. Non cambiamo nulla. Votando false promesse tanto meno. Che fare? Urge cambiamento di rotta. Cercasi bussola.
    Cordiali Saluti
    Flavio

  2. antonio catalani

    ottimo intervento. purtroppo i sussidi costano, ma generano voti (anche in Germania), gli interventi strutturali costano, ma non generano voti nell’immediato. nessuno sembra capaci dei vedere lontano. per quanto riguarda Marchionne mi rimane un dubbio: ha spiegato come produrre 6 milioni di auto…ma non ha mai spiegato come venderle!

  3. Ha ragione, gli incentivi sono un pagliativo momentaneo che forse servono solo ai governi per fare cassa MOMENTANEA
    Penso che il governo in carica, all’inizio aveva tutte le buone intenzioni di pensare e di tentare di risolvere i problemi del nostro paese, ma che alla fine ha fatto volutamente o meno il gioco dell’opposizione, la quale avendo solo in testa la cacciata di Berlusconi non ha fatto il mestiere dell’opposizione. Il governo ha abboccato, così oggi si può dire tranquillamente che ha fatto poco o niente.
    Il costo del lavoro e le imposte e tasse sono veramente elevate nel nostro paese, e “costringono” Marchionne a produrre all’estero, ma però adesso che è in America a lanciare la nuova 500 come prodotto italiano, si limiti a fare quello senza fare commenti sulla lega. Gli americani lo sanno che compreranno un prodotto argentino e non italiano.

  4. Massimo

    Come la mettiamo con gli 80 milioni di euro in opzione per Marchionne.
    E’ vero…verissimo che occorrono sacrifici per essere competitivi…ma così non si può trattare con i lavoratori…non credete?
    I sacrifici devono farli tutti…no?
    Grazie

Leave a Reply