LeoniBlog Zopa a ottobre ripartirà: ovvero, le “liberalizzazioni” alla prova dei fatti - LeoniBlog
7
Lug
2010

Zopa a ottobre ripartirà: ovvero, le “liberalizzazioni” alla prova dei fatti

Esattamente un anno fa, Zopa Italia srl. (l’impresa che ha introdotto in Italia il “social lending”, ossia la possibilità di scambiarsi denaro direttamente tra privati, senza banche e finanziarie di mezzo) era stata bloccata dalle autorità incaricate di vigilare sul mercato.

In sostanza, per un lungo periodo era stato possibile dare e ricevere denaro grazie a un sito (www.zopa.it) che operava come strumento di connessione, raggruppando i potenziali debitori secondo classi di rischio, ripartendo i contributi destinati a vari debitori tra un ampio numero di offerenti (così che chi riceveva 10 mila euro per acquistare un’autovettura, in realtà, doveva ridare 20 euro a 500 soggetti diversi), attrezzando strumenti per la riscossione dei crediti.

Poi d’improvviso tutto viene sospeso. Ecco il comunicato dell’azienda, che ancora è leggibile sul sito di Zopa:

“In data 10 luglio 2009 è stato notificato a Zopa il decreto del Ministero dell’Economia e delle Finanze che, su indicazione di Banca d’Italia, ha cancellato dall’elenco degli intermediari finanziari ex art. 106 la nostra società. Come conseguenza immediata ci vediamo costretti a sospendere la trattazione di nuovi prestiti e l’ingresso di nuovi Prestatori”.

Nelle scorse ore, però, la società ha informato i clienti che potrà tornare ad essere operativa a breve. È stato individuato un nuovo socio di riferimento e con esso l’opportunità di integrarsi in un gruppo finanziario indipendente. A questo punto – anche grazie all’entrata in vigore della direttiva 2007/64/CE del Parlamento Europeo e la creazione di una nuova tipologia di operatore finanziario a livello europeo (l’Istituto di Pagamento) – Zopa può presentare richiesta alla Banca d’Italia per operare come Istituto di Pagamento.

Se ogni va secondo le previsioni, a ottobre Zopa tornerà a servire i propri clienti.

Tutto bene è quel che finisce bene, se non ci fosse un “se”. E cioè il fatto che istituzioni europee, ministri dell’Economia e governatori delle Banche centrali da tempo hanno un solo mantra: le “liberalizzazioni”. Il guaio è che si parla in un modo e si razzola in un altro.

Questa vicenda di un’impresa chiusa per un anno solo perché permetteva di accedere a crediti a buon mercato e al tempo stesso assicurava redditi discreti (dato che veniva saltata l’intermediazione bancaria) sembra allora attestare più di molte altre cose come vi sia una discrasia tra le parole e i fatti, tra la retorica e l’azione.

Speriamo davvero che Zopa, a ottobre, possa riaccendere i motori. E che più in generale l’esigenza di aprire i mercati venga avvertita da tutti come un’esigenza veramente cruciale.

You may also like

Il Caso Savona, ovvero: le parole sono pietre
Un mercato del lavoro flessibile è nell’interesse di tutti—di Alessio Mitra
Una legge sulle lobby, per difenderle dalla politica
“Digital tax” all’europea: una creatura deforme—di Dario Stevanato

3 Responses

  1. tiziano

    Esattamente
    un sistema bancario-finanziario composto anche da ladri veri e molte scimmie (io non vedo io non parlo io non sento…..le malefatte dei miei simili) ed ora chiamati a riscrivere le regole del loro comportamento (sic) …ma appena c’è qualcuno che alza la testa fuori dal loro recinto…zac… via la testa!
    Come social lender che partecipa al progetto Zopa…attendo nuove..sulla operatività degi (nuovi) Istituti di Pagamento. Ad ottobre dunque.

Leave a Reply