23
Mar
2010

Il bando agli Ogm ci costa miliardi. Le stime dell’USDA

L’United States Department of Agricolture ha stilato un rapporto sulla nostra agricoltura che già dal titolo è tutto un programma: The financial cost to corn growers of Italy’s ban on biotechnology. Questo è un breve estratto dalla presentazione:

Italian conventional corn growers lose an estimated €175 to €400 per hectare because they are not allowed to grow Bt corn, resulting in total annual losses of €150 million to €350 million. Since 1998 the total loss to Italian farmers due to the prohibition on Bt corn alone is estimated at €2.4 and €5.1 billion. Farmers of conventional crops have lower profits because of higher pesticide costs and lower yields due to pest damage.

The Council of State’s recent ruling in favor of Futuragra, the pro-biotech farmers’ association that brought the Ministry of Agriculture to court over its ban on the cultivation of biotech crops in Italy, threw into relief the financial implications of prohibiting biotechnology. By using conventional seeds, Italian farmers lose millions each year from unnecessary pesticide costs and crop damage.

Ma il nostro Ministero delle Politiche Agricole ha, evidentemente, altre informazioni ed altri consulenti, se il ministro Zaia ha deciso comunque di opporsi in ogni modo alla sentenza del Consiglio di Stato.

Un’ultima annotazione (ad uso di coloro che ritengono di rappresentare gli interessi degli agricoltori): se l’USDA stima che ogni anno le perdite per ogni ettaro di mais convenzionale in Italia si aggirino tra 175 e 400 euro, lo stesso ettaro di terra riceve una cifra oscillante tra zero e 360 euro l’anno circa di sussidio.

(Grazie a BBB per la segnalazione)

You may also like

I dubbi sulle Aerolinee Siciliane
L’agricoltura biologica e il disegno di legge 988
La politica contro il glifosato: perchè non oscurare anche il sole?
Come l’assenza di diritti di proprietà diffusi causò la Grande carestia irlandese—di Giuseppe Portonera

2 Responses

  1. Luca

    Mah, certo non mi stupisce un rapporto di un ente americano che dice che non comprando prodotti americani siamo dei poveri fessi…

Leave a Reply