15
Mar
2010

C’è modo e modo…

Un interessante articolo dell’Economist sulla realtà agricola dell’India mostra quanto gli investimenti privati volti a soddisfare esigenze reali del mercato siano molto più utili allo sviluppo dell’agricoltura di quanto non siano gli aiuti di Stato e il protezionismo. Le ricette nostrane, invece, hanno sempre quel buon sapore familiare di socialismo reale, se possiamo leggere su Lazio Informazione, il mensile dell’assessorato all’agricoltura della regione Lazio, la seguente definizione dei contratti di filiera, sostenuti con denaro pubblico nell’ultimo Piano di Sviluppo Rurale:

stabiliscono nel dettaglio tutte le condizioni tra i contraenti (durata, dinamiche di mercato, sbocchi commerciali, sicurezza degli approvvigionamenti e fluttuazioni dei prezzi). Inoltre l’adesione agli accordi costituisce criterio di preferenza per l’accesso a finanziamenti, azioni e servizi della Regione in favore delle imprese agricole ed agroalimentari.

You may also like

L’agricoltura biologica e il disegno di legge 988
Come l’assenza di diritti di proprietà diffusi causò la Grande carestia irlandese—di Giuseppe Portonera
Prima l’Olio Tunisino, ora le piattaforme di gas naturale: la politica scivolosa
Braccianti sfruttati e rivoluzione verde—di Massimo Del Papa

2 Responses

  1. mario fuoricasa

    Come si fa a far comprendere che il socialismo è nato morto senza esser presi per pazzi? Figuriamoci a spiegare che questo concetto è stato dimostrato prima della nascita dell’URSS.
    Abbiamo poche speranze ma conviene sempre provarci perchè anche se sono socialisti (di destra o sinistra) non sono dementi.
    Se non fosse un compito arduo che gusto ci sarebbe.
    mario fuoricasa

Leave a Reply