10
Nov
2009

Il troppo stroppia e il poco spocchia, ovvero: mettetevi d’accordo

L’articolo 3, comma 10 del “decreto anticrisi” introduce maggiore trasparenza sul mercato elettrico. Secondo l’Autorità per l’energia elettrica e il gas, la cui opinione era richiesta dal decreto, è cosa buona e giusta. Oggi si apprende che l’Autorità garante della concorrenza e del mercato, che ha ritenuto di dover esprimere la propria opinione, non s’ha da fare. Parlarsi no, eh?

PS Prevengo un’obiezione: è positivo, entro certi limiti, che i due regolatori, ex ante ed ex post, non si coordinino. Ma, appunto, ci sono dei limiti. Se danno messaggi opposti, ditemi voi in che razza di mondo ci troviamo.

You may also like

Una nuova legge per la concorrenza? Maratona su LeoniBlog
I tre errori della Commissione europea nel caso Android
Google e il paradosso dell’antitrust
Apple, Shazam, e la lezione di Boskov

1 Response

  1. Tobe Hooper

    La spiegazione è semplice. Per motivi incomprensibili, l’attuale Antistrust è convinto fino alla punta dei capelli che la trasparenza limiti la concorrenza. Che vuol farci lei? Ci crede proprio..

Leave a Reply