25
Mag
2009

Italia libera a metà

Secondo l’edizione 2009 dell’Indice delle liberalizzazioni, che presenteremo oggi alle 18,30 a Milano, l’Italia è liberalizzata a metà: per la precisione al 51 per cento, contro il 49 per cento dell’anno scorso. Un cambiamento impercettibile, dunque, che riflette un paese sostanzialmente fermo sul fronte dell’apertura dei mercati. Il settore più liberalizzato, come l’anno scorso, è il mercato elettrico (77 per cento), segno che quando si supera un certo livello di libertà economica, l’andamento “inerziale” tende a essere verso un progressivo miglioramento. Il settore meno liberalizzato è quello delle infrastrutture autostradali (29 per cento, inserito per la prima volta proprio quest’anno), caratterizzato da una scarsa trasparenza e un alto livello di intromissione pubblica e instabilità normativa. Qui è disponibile, settore per settore, un sunto dei risultati ottenuti quest’anno dai nostri ricercatori (Fabiana Alias, Ugo Arrigo, Massimo Beccarello, Rosamaria Bitetti, Silvio Boccalatte, Luigi Ceffalo, Piercamillo Falasca, Andrea Giuricin, Christian Pala, Paolo Pamini, Massimiliano Trovato e Andrea Villa), che hanno indagato quindici settori dell’economia italiana (elettricità, gas, servizi idrici, tlc, trasporto ferroviario, trasporto pubblico locale, infrastrutture autostradali, televisione, servizi postali, trasporto aereo, mercato finanziario, ordini professionali, mercato del lavoro, fisco e pubblica amministrazione) confrontandoli coi casi di maggior successo nel panorama europeo.

L’Indice esce in un momento di profonda crisi non solo dell’economia, ma anche della legittimità delle idee di libero mercato. Un’indagine come la nostra ha dunque non solo uno scopo, per così dire, informativo – cioè scattare una fotografia del nostro paese – ma anche “politico”: dimostrare che il “troppo” mercato non può essere responsabile dei mali italiani, semplicemente perché, tranne un paio di casi, il grosso dell’economia italiana soffre semmai di “troppo poco” mercato. Un’altra funzione dell’Indice è quella di inserire un tema importante nell’ambito del dibattito di questi giorni, lanciato tra gli altri da Emma Marcegaglia, sulla necessità di riprendere il percorso delle liberalizzazioni sia perché è giusto farlo, sia perché sarebbe utile a rilanciare la ripresa economica. Infatti, il nostro Indice dice quali mercati marcano il passo e perché: è, insomma, una sorta di “guida” agli errori passati, per non sbagliare più nel futuro.

You may also like

Due cose che il governo potrebbe fare sulla liberalizzazione elettrica
Un mercato del lavoro flessibile è nell’interesse di tutti—di Alessio Mitra
Una legge sulle lobby, per difenderle dalla politica
La gestione pubblica del servizio idrico—di Alessandro Barchiesi

Leave a Reply