Print Friendly

Scusate, ma sulla vicenda Fiat-Melfi non sono d’accordo né con l’intervento del Capo dello Stato, né con il giudizio dell’arcivescovo presidente della commissione CEI per i problemi sociali e del lavoro. Mi sembrano da segnalare positivamente il Corriere della sera, che ha titolato giustamente “Napolitanto critica la Fiat”, il segretario della Uil Angeletti, che ha detto chiaro che in una vertenza giudiziaria tra privati il Capo dello Stato non dovrebbe entrrare per nulla, e il ministro Gelmini che in tutto il governo ha detto chiario “sto con Marchionne”.  Il Presidente della Repubblica mi sembra da elogiare molto per l’invito a superare lo scontro e a discutere con pacatezza del futuro delle relazioni industriali, visto che ha riconosciuto che la competizione internazionale è “aspra”. Ma mi sembra però da condannare risolutamente, per la sua scelta di entrare a gamba tesa in una vicenda nella quale menziona solo i ricorsi del sidnacato contro la Fiat, e non quelli della Fiat contro i tre licenziati. In questo modo, il segnale che viene dal Quirinale è che  il magistrato del lavoro, che nel giudizio d’urgenza ex articolo 28 dello Statuto si limita a una delibazione sul presunto fumus antisinacale della misura aziendale senza entrare nel merito delle cuircostanze di fatto, dovrà di fronte al ricorso Fiat dare ragione ai licenziati. Il Quirinale tace, sui ricorsi pendenti Fiat e sull’azione penale intentata dall’azienda per danno improprio. In altre parole – come riconosce persino oggi Tito Boeri su Repubblica, in un articolo pure che è aspramente conro la Fiat nelle sue conclusioni – dovrebbe passare il principio per il quale chiunque sciopera può bloccare una linea di produzione ledendo il diritto dei colleghi a non scioperare, e danneggiando l’impresa. E’ un errore gravissimo, senza precedenti nella storia istituzionale italiana. Politici e imprenditori e sindacalisti e giornalisti seri avrebbero dovuto insorgere con durezza. A questa stessa conclusione portano le parole pronunciate  da mons. Giancarlo Maria Bregantini, arcivescovo di Campobasso-Boiano e presidente della Commissione episcopale per i problemi sociali e il lavoro, la giustizia e la pace. Mons. Bregantini ha affermato che la Fiat “lede i diritti delle persone”, perché  “riduce tutto a una questione di carattere economico-finanziario”. Ignoro se abbia parlato a titolo personale o a nome della CEI, ma la carica che ricopre impegna l’intera Chiesa italiana. Che dunque si schiera a favore del blocco delle fabbriche travestito da legittimo diritto di sciopero, e per la via giudiziaria al blocco, una volta che sindacati minoritari perdono nelle urne , come è accaduto a Pomigliano. Mi sembra francamente pazzesco.

Forse è il caso di riflettere su due numeri, per capire quanto seria sia la questione dell’innalzamento della produttività da realizzare nel nostro Paese. Noi come italiani e come europei non abbiamo tanto un problema di produttività oraria a parità di qualifiche e mansioni, rispetto per esempio agli USA. Dagli anni Ottanta l’America ci ha strabattuto in produttività – a parte che per il più massiccio uso di tecnologie ITC – per due ragioni: lavoravano molti più americani che europei sul totale della popolazione in età da lavoro, e lavoravano per più ore e giorni e settimane l’anno, rispetto agli europei.  Nel 1997, sul totale della popolazione tra i 15 e i 64 anni, lavorava il 73,5% degli americani, rispetto al 58,5% come media allora degli attuali Paesi dell’euroarea, quando in Italia la percentuale era del 51,3%, in Francia del 59,6%, in Germania del 63,7%.

A fine dicembre 2009, dunque incorporando gli effetti della crisi, la terribile disoccupazione americana  ha abbassato il tasso di partecipazione per la prima volta da decenni ben sotto il 70%, al 67,6% per la precisione. La media dell’euroarea si è molto avvicinata agli USA, arrivando al 64,7%. Ma è una media che incorpora Paesi come la Germania al 70.9% (attenzione, nel 2009 è salita la partecipazione rispetto al 2008 malgrado la crisi, a conferma di quanto sia robusto economicamente quel Paese), la Francia al 64,2%. E l’Italia resta a uno sconsolante 57,5%. Abbiamo ancora più di 13 punti pieni percentuali di partecipazione al mercato del lavoro da recuperare, rispetto alla Germania leader europea. E’ per questo che servono regole diverse,  i 18 turni, e straordinari senza scioperi contrattati da sindacati che si rendano conto di come va il mondo oggi, e di che cosa dobbiamo metterci in condizione tutti di fare per vicnere la sfida e difendere la manifattura italiana, la base per l’occupazione di oggi e di domani, il traino della crescita italiana attraverso l’export.

Questi 13 punti invece è come se non esistessero, per tutti coloro che invocano il lavoro per decreto legge o per decreto di un giudice. Mi dispiace, ma non avrei mai pensato che Chiesa e Quirinale potressero rivelarsi così irresponsabili, da incoraggiare chi chiude gli occhi di fronte alla realtà e  invoca il diritto a bloccare le fabbriche.

IBL Libri su Amazon

26 Responses to “Napolitano, la CEI e la produttività”

  1. Nicole Kelly,

    @Massimo74, privatizzata la scuola, chi paga le imprese scolastiche private?
    Ma capisco il suo ragionamento: privatizzandola, il privato eliminerebbe una parte dei professori inutili e delle scuole inutili, ma questo non lo può fare anche lo stato?
    Quindi Lei ritiene che il milione di dipendenti della scuola sia in sovrannumero di….? 10.000, 100.000, 500.000? Quanti?
    E lo stesso vale per le forze di polizia oltre 500.000 persone.
    Quante ne eliminiamo?
    E la gente della sanità?

  2. MassimoF.,

    @Nicole kelly: l’ultima volta che avevo visto i dati sul numero di occupati nelle scuole pubbliche dei paesi europei , l’Italia aveva circa 950.000 dipendenti, contro i 650.000 ad esempio della Francia. Credo che la comparazione con gli altri paesi europei potrebbe essere una buona base di partenza, visto che tra l’altro siamo nella stessa area monetaria. In questo caso , ci sarebbero circa 300.000 esuberi da fare. Non essendo purtroppo Tatcheriani, si potrebbe iniziare bloccando le nuove assunzioni a tempo indeterminato, cosa che tra l’altro contribuirebbe a dare un segnale ai nuovi iscritti all’università sul percorso universitario realmente giusto da seguire. Rimane il fatto che la privatizzazzione della scuola con voucher pubblici, rimane la via migliore all’efficienza , all’equità, alla qualità.

  3. Nicole Kelly,

    @MassimoF.
    Alfine uno che si espone e dice, forte e chiaro, che abbiamo 300.000 insegnanti da cacciare!
    Ma da cacciare subito perchè, se questi restano in servizio fino alla pensione, poi bisognerà anche pagargli la pensione…. è non è un dettaglio di pochi migliaia di euro.
    Altro? Polizie? Forze Armate? Sanità?
    Sul voucher non sono d’accordo perchè favorisce solo i preti e le cape di pezza, e non credo sia il caso di incentivare la gente a mandare i figli in queste scuole visto quello che è uscito fuori in Irlanda, Stati Uniti, Germania e anche in Italia.

  4. Riccardo,

    Mi piacerebbe sapere dai cari amici (putroppo non) thatcheriani come pensano di far mangiare le 300mila persone da licenziare nel periodo che va dal loro licenziamento al periodo di un loro (ipotetico) rientro nel mondo lavorativo.
    La visione economica liberista attuale mi sembra non tenga conto degli sfridi della realtà, la concorrenza perfetta ed il liberismo perfetto non esistono come non esiste il comunismo o il socialismo perfetto, occorre trovare un compromesso tra le esigenze di oggi e la (eventuale) massima efficienza liberista futura.
    Ed alla fine si finisce invece sempre con un viva l’austerità di Berlingueriana-Tremontiana memoria

  5. MassimoF.,

    @Nicole Kelly: non ho nessuna intenzione di difendere i benefici della scuola privata , poichè nell’italia cattolico- marxista, non c’è nessuna possibilità di una sua affermazione. Voglio fare solo una osservazione , ovvero che oggi le scuole private sono a prevalenza religiose, in quanto essendo la scuola un monopolio pubblico, non è profittevole avviare attività d’impresa scolastica e quindi chi apre scuole sono quei soggetti non interessati al profitto, come le organizzazzioni religiose ; un ‘eventuale privatizzazzione rendendo profittevole la scuola vedrebbe una netta diminuzione dei preti e una composizione del mercato molto diversa. Sui dipendenti pubblici, come ho detto nel post precedente, non mi sembra che chiedere in tempi ragionevoli un adeguamento numerico alla media europea, sia essere liberisti o chissà cos’altro la mente statalista italiana si possa inventare, ma semplicemente buon senso.

  6. Davide,

    @Riccardo Perché deve essere sempre e solo lo stato a risolvere i problemi della gente? Classico modo di pensare socialista. Lo stato non deve essere una associazione caritatevole. La concorrenza perfetta è un utopia, così come pensare che lo stato possa fare la moltiplicazione dei posti di lavoro: non funzionerà mai e non ha mai funzionato.

Leave a Reply

Login with Facebook: